martedì 24 novembre 2009

Auricolari, a me gli occhi



I giapponesi ne hanno studiata un'altra: è possibile regolare le funzioni principali del lettore musicale attraverso un player multimediale che studia il movimento degli occhi... sì, avete letto bene, gli occhi. "La cornea dell'occhio - hanno spiegato i ricercatori giapponesi - è caricata positivamente, mentre la retina negativamente. In ambito medico, il movimento del bulbo oculare è rilevato attraverso particolari elettrodi posizionati vicino agli occhi. Non abbiamo fatto altro che applicare questa stessa tecnologia agli auricolari". Questa tecnologia di controllo ottico è stata sviluppata a partire da movimenti oculari non frequenti nella vita di tutti i giorni, come spostare la pupilla due volte di seguito verso destra (per saltare un brano) o ruotarla in senso orario (per regolare il volume) [fonte: PuntoInformatico.it]. Chissà che mal di testa dopo...

E citando uno dei commenti alla notizia:
A- "Attacco epilettico?"
B- "No, sto abbassando il volume dell'iPod"

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...