martedì 13 aprile 2010

L'uomo nell'ombra



TRAMA: Uno scrittore inglese accetta di completare le memorie dell'ex Primo Ministro britannico Adam Lang, dopo la morte in un disgraziato incidente del suo predecessore. Quando lo scrittore raggiunge l'ex premier in un'isola sulle coste orientali degli Stati Uniti, esplode uno scandalo: Lang viene accusato di attività illegali, connesse a terrorismo e torture. Di colpo l'isola è invasa da giornalisti e manifestanti. Lo scrittore intanto comincia a sospettare che il suo predecessore abbia scoperto qualcosa di terribile che collega Lang alla Cia e comincia a temere per la propria vita.

Ho sempre immaginato che esista la figura del ghost writer, dello scrittore fantasma, sia nel mondo della politica che negli altri settori (si pensi ad esempio ai vari calciatori che hanno pubblicato un libro, dubito che sia tutta farina del loro sacco), però non immaginavo che i ghost writers scrivessero anche le dichiarazioni dei vari politici, questo particolare mi ha un po' stupito... spero comunque che questi scrittori abbiano meno problemi rispetto al protagonista del film di Polanski costretto a scoprire, giorno dopo giorno, la verità su chi lavora. Thriller intrigante, riesce a raccontare quel che i giornalisti ormai tengono segreto.
Toglietemi una curiosità: perché qui in Italia devono storpiare così tanto i nomi dei film? Da "The ghost writer" a "L'uomo nell'ombra" ce ne vuole di fantasia!

2 commenti:

  1. Mi sa che è uno sport tutto italiano. Per ora The ghost writer è l'unico film per cui andare al cinema.

    RispondiElimina
  2. Per fortuna alcune volte traducono letteralmente il titolo, pensa se "Roman Holiday" con Audrey Hepburn fosse diventato "La mia allegra gita a Roma" oppure "Se scappi, vado a Roma" ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...