giovedì 19 agosto 2010

L'apprendista stregone



TRAMA: Balthazar Blake è un maestro della magia che vive nell'odierna Manhattan e che intende difendere la città dalla sua nemesi per eccellenza, Maxim Horvath. Ma per farlo Balthazar ha bisogno di aiuto, e recluta quindi Dave Stutler, un ragazzo apparentemente normale ma che possiede doti nascoste, sottoponendolo ad un folle addestramento per fargli apprendere il più in fretta possibile tutti i segreti della magia. In questo nuovo ruolo di apprendista stregone, Dave dovrà fare appello a tutto il suo coraggio per sopravvivere all'addestramento, arrestare le forze del male e conquistare il cuore della ragazza che ama.

E' da un mese che non entravo in un cinema e finalmente ne ho avuto l'occasione con L'apprendista stregone. Come commentare questo film?
Se siete fan dei grandi dialoghi profondi e complicati, beh non andate a vederlo perché siamo ai livelli di Prince of Persia, se non peggio: "io sono il bene e loro sono il male assolutamente stereotipato che al posto di ucciderti subito perde tempo a dire chiacchiere!!!!".
Se siete fan degli effetti speciali, questo film fa per voi perché da quel punto di vista è grandioso, sono pochi gli attimi in cui potete rilassarvi perché la magia è sempre dietro l'angolo!
Se come me ritenete Monica Bellucci una pessima attrice, andate a vedere questo film per avere la conferma: per fortuna appare giusto in due o tre scene in cui la sua faccia da pesce lesso ha la meglio sull'azione -poche mosse deve compiere a inizio film e sembra una fantomatica principessa dei Power Rangers, per il resto solo svenimenti e facce alla Brooke Logan con una voce da Jessica Flatcher-.
Se siete fan di Dragon Ball andate a vederlo perché viene spesso lanciato un attacco che assomiglia all'Onda Energetica di Goku.
Se siete fan di Fantasia, si sappia che una scena rende omaggio a "Topolino apprendista stregone", però in chiave moderna. 

Se volete farvi del male consiglio almeno una visione, non necessariamente al cinema anche se gli effetti rendono molto di più nella sala buia con lo schermo gigante e l'audio amplificato!

p.s. nel trailer, così come nel film, si sente la bellissima A pain that I'm used to dei Depeche Mode.

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...