martedì 28 settembre 2010

Riyoko Ikeda al Romics



Come saltuariamente capita, per qualche giorno non potrò aggiornare il blog. Il motivo? E' presto detto: 

- mercoledì e giovedì: visione di ben due film al cinema: "L'ultimo imperatore dell'aria" (nel mio paese) e "Inception" (a Bari)... causa preparazione valigia e altri impegni, sarò occupata anche di mattina e quindi non riuscirò a connettermi! Per quanto riguarda il primo film citato poche riga fa, il cinema di Santeramo si merita non 92 minuti di applausi ma ben di più, il perché lo potete leggere qui (spero che anche altri esercenti abbiano la stessa idea!)

- venerdì mattina si parte, destinazione: Romics, tra gli ospiti c'è Riyoko Ikeda, la creatrice di Lady Oscar, il manga preferito di Andrea che ovviamente non si lascia sfuggire l'occasione di vederla dal vivo e di avere un suo autografo... altrettanto ovviamente parto anch'io con lui, quando si tratta di fiere del fumetto partecipo ben volentieri (e magari incontro Leo Ortolani come è successo casualmente l'anno scorso a Lucca!)

- domenica: ritorno a casa.

In mia assenza vi consiglio:
1) compilare questo questionario per il cineforum;
2) sabato non potrò inserire il nuovo dubbio musicale, quindi cercate di risolvere questo che sembra più difficile dei precedenti!


Ci si rilegge la prossima settimana, ciaooooooooo!

Bossi come Asterix



Ieri ennesima sparata di Bossi nei confronti del suo "datore di lavoro" Roma: SPQR sta per "sono porci questi romani"... vabbè, detto da uno che andrebbe volentieri con le corna in testa!
Ma secondo voi il problema è Bossi oppure la gente che lo applaude?

p.s. ho vinto due biglietti per vedere ieri gratis al cinema "Mangia prega ama"... che film noioso, non finiva mai, si salva giusto la colonna sonora. Per fortuna la compagnia è stata ottima, almeno ho riso un po', altrimenti dopo cinque minuti mi sarei addormentata!

lunedì 27 settembre 2010

Cosa provocano i tagli del governo



A questo governo, si sa, piace molto usare le forbici su scuola, sanità, ricerca, cultura, ambiente, eccetera! Non sapendo più cos'altro tagliare, la scelta è ricaduta sui pantaloni di Calderoli, rimasto in mutande... oppure il ministro della semplificazione ha voluto semplificare il suo abbigliamento non riuscendo a fare altro?

domenica 26 settembre 2010

Fumerletta n. 57


Kalissa:- Cercavo il Rat-boy, ma il tempo passa e ho trovato un uomo al suo posto...
Rat-man:- Il tempo passa per tutti, tranne che per lei, madàm...
Kalissa:- Adulatore! Scommetto che dice così a tutte le donne!
Rat-man:- Oh, no, solo a quelle di una certa età!

(da RAT-MAN - Io, il Rat-man!)

sabato 25 settembre 2010

Dubbio musicale n. 5



Oggi avrei dovuto proporre un dubbio meno "animato", ma in questi giorni ho riordinato sul mio computer le canzoni giapponesi e mi sono ricordata della sigla di apertura di Kodomo no omocha, in Italia Rossana, e quindi rimando di un'ulteriore settimana il confronto tra canzoni normali!
Per quanto riguarda questo dubbio, ammetto che non sono sicura perché non ho trovato riscontri da nessuna parte, scopriamo se anche voi fate la mia stessa associazione mentale tra Seven o' clock news e biiiiiiiiip! Buon ascolto!!!

CLASSIFICA GENERALE:
Marco: 2 punti
Momo: 1 punto
Angela: 1 punto

Cineforum: Ai voti

Tante idee, tante iniziative e tanta voglia di crescere sono tre aspetti che hanno sempre caratterizzato il cineforum! Adesso il cineforum ha bisogno di te... sì, di te, è inutile che ti volti, sto parlando proprio con te... compila il questionario -assolutamente anonimo- qui sotto e facci sapere come il cineforum potrebbe evolversi! Grazie per la collaborazione!!





Qui i risultati finora ottenuti:

venerdì 24 settembre 2010

La solitudine dei numeri primi (film)



TRAMA: Dal romanzo premio Strega di Paolo Giordano. I numeri primi sono divisibili soltanto per uno e per se stessi. Sono numeri solitari e incomprensibili agli altri. Alice e Mattia sono entrambi “primi”, entrambi perseguitati da tragedie che li hanno segnati nell'infanzia: un incidente sugli sci per Alice, che le ha causato un difetto a una gamba, la perdita della sorella gemella per Mattia. Quando, da adolescenti, s'incontrano nei corridoi di scuola, riconoscono il proprio dolore l'uno nell'altra. Crescendo, i loro destini s'intrecciano in un'amicizia speciale, finché Mattia, laureatosi in fisica, non decide di accettare un posto di lavoro all'estero. I due si separano per molti anni e sarà una sequenza di eventi a ricongiungerli, per riportare in superficie una quantità di emozioni mai confessate e costringere Alice e Mattia ad affrontare la domanda delle loro esistenze: due numeri primi potranno mai trovare un modo per essere insieme?

Visto "La solitudine dei numeri primi"... per fortuna ho letto il libro, altrimenti molti passaggi mi sarebbero del tutto incomprensibili e non capirei la personalità e le scelte dei protagonisti!! Ottima prova per gli attori, soprattutto per Alba Rohrwacher (sempre più brava!) e Filippo Timi nel ruolo del clown (mamma mia che sguardo, mi ha fatto veramente paura!), bravo anche il regista... ma del film purtroppo non resta altro (neppure i dialoghi, a volte la musica copriva le parole).

giovedì 23 settembre 2010

Scary Poppins



Con l'inizio del maltempo non c'è niente di meglio che chiudersi in casa e guardare un bel film, magari horror dato che l'atmosfera è ideale! Io vi consiglio Mary Poppins... sì, la nota governante della Disney! Pensate che Mary Poppins sia un normale film per bambini? Vi sbagliate, guardate il trailer e cambierete idea!

mercoledì 22 settembre 2010

Grazie Sandra!



Da ieri il mondo dello spettacolo è di nuovo in lutto: dopo cinque mesi anche Sandra Mondaini ci ha lasciati per continuare i suoi "battibecchi" con Raimondo in un posto migliore, senza la malattia che la stava lentamente uccidendo e la morte del marito che si può dire le abbia dato il colpo di grazia!

Grazie Sandra per le tante risate, tu e Raimondo facevate ridere con garbo, ironia e senza volgarità! Nella canzone Sbirulino c'è il suo motto: "Pereppepe se sono allegro, rido e canto che male c'è!"

martedì 21 settembre 2010

Benvenuto Bruce Lee


Da due settimane a casa c'è un nuovo "coinquilino" che fa karate: il suo nome è Bruce Lee ed è un gatto che il 24 settembre compirà due mesi! E' un matto, ma un matto di quelli autentici come direbbero in Colazione da Tiffany: salta, corre (e ogni tanto va a sbattare a qualche sedia), morde, graffia, si rotola, si arrampica su sedie e divano, cerca di acchiappare qualsiasi filo penzolante (a volte perfino i miei capelli!!), ti chiama... poi si stanca e per ore e ore dorme! 
Principali attività: dormire e giocare, con intermezzi di coccole e fusa ed è un amore, motivo per il quale viene perdonato per tutte le sue malefatte! Come non farsi conquistare da un maschione così:

lunedì 20 settembre 2010

Sono fortunata a non avere le tette grosse perché...

Non trovo online il video dello spot, spero lo ricordiate. Per maggiori info: http://www.spotlandia.com/musica_spot_perfetti_564/canzone_brooklin__spearmint_1230/spot_1799.html



1) per gli uomini è più facile guardare negli occhi -nei veri occhi- quando si conversa;
2) non sembro volgare con abiti troppo scollati;
3) le immagini sulle magliette non si deformano (ve la immaginate una, chenneso, Lisa Simpson con il corpo normale e la testa extralarge?);
4) mi è più facile camminare a testa alta con la schiena dritta;
5) la forza di gravità ha meno effetti su di me;
6) non vengo presa in giro con battute sul davanzale e pere mature;
7) in caso di pioggia, nessuno viene a ripararsi sotto il mio seno;
8) è più facile trovare un reggiseno della mia taglia;
9) è più facile abbracciare il mio ragazzo senza cuscini che ci impediscano di stare vicini.

Al momento non mi vengono in mente altre motivazioni, se avete qualche altra idea, lasciate un commentino! :)

giovedì 16 settembre 2010

Dubbio musicale n. 4



Nei prossimi giorni mi sarà impossibile aggiornare il blog e quindi ho deciso di anticipare la rubrica del sabato: il dubbio musicale!
Ultimo paragone tra canzoni e sigle di cartoni animati, almeno per il momento e, dato che avrete un giorno in più per pensare, ho scelto una canzone meno immediata da indovinare rispetto alle precedenti! E se per lei cantare è un gioco... per voi indovinare non lo sarà affatto!!

CLASSIFICA GENERALE:
Marco: 2 punti
Angela: 1 punto

Somewhere



TRAMA: Johnny vive a Hollywood nel leggendario hotel Chateau Marmont. Se ne va in giro sulla sua Ferrari e casa sua è un flusso continuo di ragazze e pasticche. Totalmente a proprio agio in questa situazione di torpore, Johnny vive senza preoccupazioni. Fino a quando giunge inaspettatamente allo Chateau la figlia undicenne, Cleo, nata dal suo matrimonio fallito. Il loro incontro spinge Johnny a riflessioni esistenziali, sulla sua posizione nel mondo e ad affrontare la questione che tutti dobbiamo affrontare: quale percorso scegliere nella nostra vita?

Film molto lento ma anche molto intimo! Sarà che sono ormai abituata a vedere qualsiasi -o quasi- genere di film, ma la lentezza delle scene e delle riprese non mi hanno pesato minimamente, e poi diciamocelo: la vita talmente monotona e abitudinaria di Johnny poteva essere raccontata diversamente? Ogni giorno gli stessi gesti, le stesse emozioni, le stesse persone, tanto che la noia nella vita dell'attore diventa normalità e parte integrante della vita stessa, finché non arriva la figlia Cleo a cambiare questo stato apatico!
Non promuovo a pieno questo film, ma non lo boccio neppure, Lost in translation e Marie Antoinette sono molto più interessanti!

martedì 14 settembre 2010

Contestazione alla Gelmini a Bologna



La gente è contraria alla riforma della scuola della Gelmini! Ma come mai? E' stranissimo, eppure le scuole continueranno ad avere i loro finanziamenti... ovviamente mi riferisco alle scuole private!! 
A Bologna, il 9 c'è stata a Bologna la festa del Pdl (acronimo di Popolo della Libertàdifarequelchevuole), ospite dell'evento: Maria Stella Gelmini, che alla fin fine non si è presentata, ma al suo posto sono arrivate........ per scoprirlo guardate il video a partire dal minuto 3:39!

lunedì 13 settembre 2010

Kitt e murt!



In italiano: Kitty è morta... cosa avevate capito?!? ^_^
Un titolo, una speranza: non ne posso più di vederla in ogni dove!!!

domenica 12 settembre 2010

Fumerletta n. 56


Tracy:- Mio marito era potente.
Julia:- Lo so. Gestiva tutte le cosche di qui. Droga, prostituzione, locali sordidi...
Arthur:- Mi chiedo come ha fatto una come te a mettersi con un tizio del genere!
Tracy:- In fondo, Martin aveva un animo sensibile... Mi leggeva sempre le poesie di Eugenio Montale, un italiano...
Arthur:- E ti sei fatta abbindolare così?!
Tracy:- No, ho ceduto quando mi ha regalato la pelliccia di visone!!

(da JULIA - Nel cuore della tempesta)

sabato 11 settembre 2010

Dubbio musicale n. 3



Ed eccoci al terzo appuntamento con il Dubbio musicale! Quale sigla di cartoni animati avrà copiato la nota canzone di Madonna? Quanti rosari dovrà recitare per farsi perdonare? A voi la risposta!

Ricordiamo la classifica generale:

Marco: 1 punto
Angela: 1 punto
tutti gli altri: 0 punti

venerdì 10 settembre 2010

Paolo Benvegnù - Io e il mio amore



Paolo Benvegnù poeta, screziato, travolgente, introverso e semplice, un filtro tra il dentro e il fuori di un romanticismo perplesso, torturato e un’autenticità che riecheggia la dissacrazione e l’armonia, il timbro narrativo di “un’altra musica” che vive di verità, e che muore nel preciso istante della rinascita, che torna a respirare nel momento fatidico dell’ambizione di non morire mai. [fonte: beatbopalula.it]
Caratteristiche, queste, che si ritrovano anche nel nuovo inedito "Io e il mio amore" presente nell'album live Dissolution. So che in genere in questo tipo di recensioni raramente si legge il testo del brano, io comunque consiglio di continuare la lettura fino in fondo e apprezzare alcune citazioni quali "perché l'uomo prega Dio ma preferisce Giuda e muore senza vivere".

Io e il mio amore
Svegliati non hai mai fatto niente
è l'immagine di te che trovi interessante
non hai mai vissuto nulla
e ti imprigiona il senso
perché non sai decidere

Ne ho già visti come te stare in silenzio assenti
fucilare gli innocenti e i propri comandanti
perché l'uomo prega Dio ma preferisce Giuda
e muore senza vivere

Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore

Vi ho visto abbandonare i figli
restando nelle case per poi tormentarli
e poi questi a loro volta
a bastonare i saggi
senza versare lacrime

Perché l'uomo spara al suo custode
e prega l'aguzzino
e intanto spia le perversioni del vicino
perché l'uomo prega Dio ma preferisce Giuda
e muore senza vivere

Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore

E ci sono stato anch'io vicino al mare
e in fila come tutti per vedere
se le stelle hanno il profumo di un maestro elementare
o la dignità dei vecchi

E tu sei libero
ma non ne apprezzi il senso
e i giorni li trascini uno dopo l'altro
e maledici il destino
ma non la tua paura
e poi non credi a niente

Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore

Ed hai paura
Di cosa hai paura?
Se imprigioni i sentimenti a doppia serratura
Se ogni muro che protegge ti impedisce di vedere
Se poi non riesci a vivere


E non riesci a respirare
Non ti riesci più a stupire
Non hai nemmeno una sogno da poter nutrire
Se non vivi per paura di dover morire
Perché non credi a niente

Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore
Solo io e il mio Amore

giovedì 9 settembre 2010

In Finlandia la Rete è un diritto fondamentale



C'è chi considera Internet un nemico insidioso e pericolo, una sorta di Darth Vader capace di manipolare le menti dei poveri terrestri costringendoli a informarsi e ad essere a conoscenza della verità! In Italia sono stati tanti i tentativi di emanare leggi su un argomento che i politici sono ben lontani dal conoscere, in Francia lo stesso soprattutto per quanto concerne il file sharing... in Finlandia invece sono talmente rivoluzionari e magari anche comunisti da considerare Internet un diritto fondamentale del cittadino, infatti "Dal primo luglio ogni cittadino finlandese avrà garantita per diritto una connessione a banda larga ad almeno 1 Mbps, in quanto servizio universale." [fonte: PuntoInformatico]

p.s. nel video: un giornalista che cerca di fare domande a Berlusconi... cosa c'entra? In effetti niente, però avevo voglia di inserirlo!

martedì 7 settembre 2010

Natascha McElhone vs. Debora Magnaghi


Ieri sera ho visto Ronin e ripensando al film mi viene la pelle d’oca: due ore di suspance e alta tensione con un Robert De Niro in splendida forma e un sempre affascinante Jean Reno, dettagli curati in ogni minimo particolare per tutte le missioni, inseguimenti spettacolari -ottima la scelta di non inserire musiche ma far sentire semplicemente i rumori del motore-, film assolutamente da vedere (detto da una ragazza che non segue il genere d’azione, ci tengo a sottolinearlo)!

Comunque ieri ho notato una certa somiglianza tra Natascha McElhone, soprattutto quando era ripresa da lontano, e Debora Magnaghi. Cosa ne pensate?

lunedì 6 settembre 2010

Cineforum: Ronin


Con: Robert De Niro, Jean Reno, Natasha McElhone
Regia: John Frankenheimer
TRAMA: A Parigi un’energica irlandese riunisce cinque moderni guerrieri mercenari di varia nazionalità, tutti senza lavoro (CIA, KGB, Stasi, ecc.) o alla deriva dopo la fine della guerra fredda, per una missione ben pagata e molto pericolosa: impadronirsi di una valigetta, agognata da una banda di mafiosi russi e da una frazione estremista della lotta antibritannica nell’Irlanda del Nord.

Dopo pochi giorni, ecco un nuovo appuntamento per il cinetvforum: Ronin!
Ci vediamo stasera, alle 21.10, su RaiTre, non mancate!
Per farsi un’idea sul film di Frankenheimer, ecco un articolo preso da Filmtv:
Action movie solido, velato da un sottile crepuscolarismo. La prima parte (diciamo fino all’arrivo ad Arles) ha un paio di sequenze da antologia, realizzate da Frankenheimer con sguardo di ghiaccio. Poi, nel finale, la solita baraonda da poliziottesco americano, ma il più è fatto. Location da urlo, inseguimenti mozzafiato, ricordi dei due “Braccio violento della legge”, la faccia intensa di Natasha McElhone, un cameo del “truffautiano” Lonsdale e una nuova coppia d’azione, il “professionista” De Niro e il “mediterraneo” Reno. Tagliato con l’accetta del classico cinema spettacolare, essenziale, rilassante.

La sposa cadavere (attenti al video)



Premessa: il video qui sopra contiene il finale de "La sposa cadavere"... vi ho avvisati!!!

TRAMA:Victor, promesso sposo, si ritrova improvvisamente nella regno dei morti, dove si unisce in matrimonio con una misteriosa sposa cadavere, mentre la sua sposa vivente, Victoria, lo aspetta nel regno dei vivi. 

Quando si nomina La sposa cadavere, non so perché, molti tendono a fare paragoni con Nightmare Before Christmas: errore, grave errore, chi nel 2005 si aspettava un nuovo NBC sarà rimasto sicuramente deluso da “La sposa cadavere” perché quest’ultimo racconta la magia dell’amore (e non della festa di Natale che è più caotica e meno… morta!!), l’amore non vuole fracasso ma è fatto di silenzi, di sguardi, di poche note magari suonate insieme al pianoforte.
La sposa cadavere è un film semplice, poetico e a suo modo romantico, si rimane incantati già dalla prima scena quando Victor fa volar via la farfalla dalla gabbietta fino alla scena finale in cui Emily, la sposa cadavere,… scusate, ma devo fermarmi qui per non rivelare il finale! Chi è curioso e/o non ricorda come termina il film può guardare il video, vi posso dire che se avete apprezzato tutta l’opera burtoniana, queste immagini vi resteranno impresse per giorni e giorni!
La trama, le situazioni non sempre prevedibili ([spoilerone] alzi la mano chi credeva che Victor volesse realmente sposare Emily w quindi morire per poterla sposare a tutti gli effetti.[fine spoiler]), l’espressività dei volti, i colori -la contrapposizione mondo grigio per i vivi e mondo colorato per i morti è pura genialità- rendono il film un’esperienza affascinante e indimenticabile e ci si rende conto di quanto è bello poter credere ancora nelle favole!

domenica 5 settembre 2010

Fumerletta n. 55


Colombo:- Che vuoi?
Mendicante:- Fermati, giovine avvenente! Prendi questo uovo di gallina! Ti darà vigore!
Colombo:- Ma vado a dibattere con i dottori! Se ne rende conto?
Mendicante:- Tenete quest'ovo ben stretto mentre dibattete! Vi porterà fortuna! E poi, è gratis!
Didascalia:- Ah! In tal caso...

(da COLOMBO di Altan)

sabato 4 settembre 2010

Dubbio musicale n. 2



Ancora una volta i Boney M sono protagonisti di questa nuova rubrica settimanale, sabato scorso si è confrontato Rivers of Babylon con Anna dai capelli rossi -indovinato da Marco-, questa volta abbiamo Brown girl in the ring che assomiglia a... 
Compito a casa: finisci la frase con il giusto titolo!

CLASSIFICA GENERALE:
Marco: 1 punto
tutti gli altri: 0 punti

venerdì 3 settembre 2010

Shrek e vissero felici e contenti




TRAMA: Ultimo capitolo delle avventure di Shrek, Fiona, Ciuchino e il Gatto con gli stivali. Shrek è preda di un attacco di nostalgia della vecchia vita da orco nella foresta. Fa l'errore di confidarlo ad un mago da quattro soldi che gli giocherà un brutto scherzo.

E alla fin fine vissero tutti felici e contenti...tranne gli spettatori in sala che si sono inorriditi -bambini esclusi, spero di non trovare più così tanti mini-uomini al cinema: e vai con la chiacchiera, e rumori di pop-corn e patatine a non finire (ma quanti ne hanno comprati?!?), e la mamma che non toglie la suoneria al cellulare, eccetera... per fortuna poi i bimbi si sono sostanzialmente zittiti, il cellulare ahimé è rimasto!!
Torniamo al film della Dreamworks, guardando il trailer mi aspettavo peggio ma il voto che dò a questo film è sufficiente e spiego subito il motivo: film nato per scopi puramente commerciali e non perché esiste un'idea originale per concludere degnamente la saga -a differenza di quei geni della Pixar che hanno svolto un eccellente lavoro con Toy Story-; la genialità di Shrek nel 2001 era la presa in giro della favole e il "rivoltamento" dei canoni fiabeschi: l'orco dovrebbe essere cattivo e invece si rivela buono, il principe azzurro dovrebbe salvare la principessa per amore e invece non va così, vengono citate tutte le favole più note in maniera ironica, ecc.; in questo quarto capitolo invece calma piatta, perfino i sorrisi sono un po' forzati, giusta una determinata situazione -anzi due- ricordano "La bella e la bestia", ma in chiave seria e quindi non adatta a Shrek!!
In sala pensavo "questo è un altro Shrek, questo è un altro Shrek, questo è un altro Shrek" e, convincendomi di ciò, ho iniziato un po' ad apprezzare la situazione creatasi, ma ripeto, per me non è niente di particolare!

p.s. comunque questi uomini, anche se orchi, sembrano tutti uguali: da sposati sognano la libertà, da single sognano l'amore! ^_^

giovedì 2 settembre 2010

Cineforum: La sposa cadavere



TRAMA: Victor, promesso sposo, si ritrova improvvisamente nella regno dei morti, dove si unisce in matrimonio con una misteriosa sposa cadavere, mentre la sua sposa vivente, Victoria, lo aspetta nel regno dei vivi.

Eccoci al secondo appuntamento autunnale del cineforum, dopo Juno (di cui purtroppo ho letto tardi la notizia e quindi non ho potuto né avvisare né partecipare) si passa a La sposa cadavere, un film che conferma la genialità e la visionarietà di Tim Burton!

La sposa cadavere sarà trasmesso venerdì 3 settembre su Italia 1 alle 21.10 circa. Come ogni appuntamento, ci si ritrova nella chat del Cineforum per commentare in contemporanea il film!
Vi aspetto!

mercoledì 1 settembre 2010

Il 1992 come oggi



"Fingi di essere come Berlusconi, pieno di ragazze e di milioni": ma già dal 1992 si sapeva che Berlusconi andava a put... ehm a escort?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...