giovedì 31 marzo 2011

Up



TRAMA: Carl Fredericksen ha trascorso una vita sognando di poter viaggiare in tutto il mondo e di vivere al massimo delle proprie emozioni, ma all'età di 78 anni, quando la vita sembra essergli sfuggita di mano, il destino (e un insistente boyscout di 8 anni di nome Russell) lo attendono per una svolta del tutto imprevista.

Ieri ho finalmente visto Up, un film che nel 2009 tralascai causa 3D e quindi non lo vidi al cinema (espiazione su di me, niente collare della vergogna però... chi ha visto Up può capirmi ^_^)! Basta dire che si tratta di un Disney-Pixar per capire che si tratta di un film imperdibile e assolutamente stupendo, e infatti tale si è rivelato: non capolavoro come Wall-e (che per me è poesia pura), ma altrettanto capace di far sognare e riflettere: un tema quale il lutto non si trova spesso nei lungometraggi animati. Up è divertente e malinconico e queste due componenti sono ben equilibrate tanto che il film non annoia mai, alternando momenti solitari ad avventura.
Da vedere e rivedere... Scoiattolo!!!

mercoledì 30 marzo 2011

Indovinello matematico



Indovinello si fa per dire, direi cazzata matematica... che poi non è neanche matematica, ma lasciamo perdere! 
Risolvetemi questo:

16 16 18x2

martedì 29 marzo 2011

Sì, scusate, ho detto troia



Post non mio ma preso da R-Esistenza. Buona lettura:

Una volta, quando ancora ero abbastanza bellina, una persona mi fece comprendere che se “fossi stata gentile” con lui, avrei potuto avere un lavoro; un bel lavoro. Siccome avevo imparato che la gentilezza era cosa diversa dallo farsi sbattere come una puttana, fui in vero poco gentile, assai poco educata e rischiai anche di essere violenta. Naturalmente non ebbi il lavoro, e poco dopo scoprii che un'altra ragazza lo aveva avuto. Quando mi capitò di incontrarla, mi raccontò di aver avuto “una bella fortuna”, io le sorrisi e le dissi: “Sì, a volte il culo aiuta.” Seppi, a distanza di anni, che aveva fatto carriera e pensai che di gentilezze, in giro, doveva averne profuse tante.

Non nego che a volte, arrancando nella vita, con la disperazione che faceva compagnia più di una volta chiacchierando ho detto: “Se rinasco voglio rinascere troia.” Una frase a volte ripetuta, quasi come un mantra. Una di quelle cose che servono a castigarci e darci coraggio.

Oggi non lo direi più, perché oggi non avrebbe più senso nemmeno nascere troia, in questo paese che ha radicato la disparità. Ci sono troie e troie, non ci si nasce più ma lo si diventa, magari educate dalle mamme e dai papà che indirizzano, proprio come una volta i figli venivano indirizzati ad esser preti, medici o avvocati.

Ho letto di un bikini col reggiseno imbottito per bimbe di otto anni, e non mi sono scandalizzata. So per certo che se questa estate avrò la fortuna di andare al mare, le vedrò queste apprendiste zoccolette, a cui la mamma insegnerà che regola prima dell'esser persona è mostrarsi al mondo come merce in vetrina. Ricordo le mie bimbe, e il mio modo di dirle che prima o poi avrebbero rimpianto il tempo in cui erano state libere di essere bimbe, correndo avanti e indietro sulla sabbia, con i secchielli pieni d'acqua, senza doversi curare della tetta che scappava dal triangolino di stoffa, e la loro voglia di sentirsi grandi, che per fortuna spariva vinta dal gioco e dalla serenità, e venivano da me con le manine sporche a dire: “me lo togli questo coso, che mi dà fastidio?” E oggi, vincitrice, mi consolo.

E comunque, per quanto presto s'inizi ad educare, non ci son più le troie di una volta. Erano quelle che si conservavano belle, che sapevano fartela desiderare, ma te la facevano sudare. Erano quelle che facevano credere all'uomo di avercela solo loro,e tutta d'oro, e che lo illudevano d'esser stato un conquistatore. Erano loro le troie da ammirare, che per arrivare ad una vita in discesa non avevano dovuto far altro che investire una piccolissima parte di loro stesse. Il resto era salvo, persino la dignità.

Oggi è diverso, “il troismo” è inflazionato, la merce abbonda – naturale o artefatta – giacché laddove non aiuti la natura si sopperisce col bisturi o i push-up. Le donne a 25 anni son merci vintage da collezione, e soprattutto non basta più che siano capaci di vendere la merce nemmeno tanto pregiata – ma alquanto comune – che hanno in mezzo alle gambe. Oggi per essere troia devi essere disposta a vendere l'anima e quindi anche la dignità. A dire il vero, in questo strano mercato, per essere una gran troia non hai nemmeno bisogno di essere donna, dato il gran numero di puttane uomini venduti a un solo utilizzatore finale, per soddisfarlo, compiacerlo e farlo sembrare persino più alto e capellone, agli occhi di un popolo in vendita.

Ma l'inflazione, in una storia di crisi economiche e di povertà, ci ha insegnato che non è cosa bella. Che più aumenta la merce e più il suo prezzo cala, e allora eccole le donne che si vendono per 20 euro e un panino e mostrano senza vergogna il loro essere troia, applaudendo un criminale – che può pagarle – in tribunale.

Ecco un'altra gran troia, che se pure la natura non l'ha aiutata, per soli 300 euro andrà in televisione a sputare sul dolore e sulla dignità offesa del popolo aquilano, falcidiato da un terremoto italiano, che a differenza di quello giapponese, riconsegnerà la vita forse solo tra trent'anni.

E l'ultimo modello di troia, creato appositamente in nome dell'amicizia Italia/Libia, “Le Gheddafine” che si mostrano ai giornali, con la maglietta I'Love Libia, rimpiangere i tempi d'oro in cui, venti di loro, una volta al mese, venivano inviate a Tripoli per sollazzare un pazzo criminale. Quasi in lacrime, come da copione recitano il dolore: “Questo mese purtroppo il viaggio è stato cancellato per motivi di sicurezza.” Forse ignorando che il governo lasciò a lungo in Libia i lavoratori italiani, per non far sospettare che vi fossero dei problemi.

E allora, siccome vado controcorrente, se rinasco voglio rinascere proprio così come son stata e come sono, magari solo un po' più fortunata: abbastanza, per esempio, da non rinascere più.

Rita Pani (APOLIDE)

lunedì 28 marzo 2011

Locandina scartata de "Gli abbracci spezzati"


Avete presente Gli abbracci spezzati, il film del 2009 di Pedro Almodovar? Beeeene! 
Questa qui sopra è la locandina originale, ma ho un'esclusiva, una notizia taciuta fino all'ultimo ma io, con la mia mente diabolica, sono riuscita a scoprire solo per voi, miei cari lettori: è stata scartata una locandina che ritraeva la trama originaria che Almodavar aveva pensato per questo film ma poi cambiata per problemi di copyright! Eccola:



Originariamante "Gli abbracci spezzati" riguardava il dramma di una donna che era costretta a spezzere i noti biscotti causa tazza del latte troppo stretta, ma a lei piace mangiarli inzuppati ma interi per gustare appieno sia il sapore del cacao che quello della panna. Come risolvere questo dilemma? Purtroppo non lo sapremo mai perché Almodovar cambiò totalmente sceneggiatura! Peccato, sarebbe stato comunque interessante, non siete d'accordo con me? ^_^

domenica 27 marzo 2011

Video della settimana n. 1



La parola chiave di questa settimana è stata BOOTY!! Tutti insieme BOOTY!!! Peccato che sia troppo tardi per ottenere lo sconto! Sì, nei negozi "Old Navy" gridando BOOTY dal 17 al 20 marzo si aveva diritto al 30% di sconto su tutta la spesa... BOOTY!!!! 
Ma solo io ho l'impressione che sembra che stiano ordinando allegramente un panino per festeggiare un evento importante? Mi dia un BOOTY!! Con molte salse, mi raccomando!

sabato 26 marzo 2011

Dubbio musicale n. 26



Salve internauti e benvenuti a una nuova puntata del dubbio musicale! Prima di svelare l'enigma precedente, ricordiamo la classifica generale rimasta invariata:

Classifica generale:
Marco: 9 punti
Mery: 5 punti
Momo: 3 punti
Angela & Martin: 1 punto
Resto del mondo: 0 punti

Per quanto riguarda sabato scorso, non so se premiarvi per non aver indovinato o no: possibile che nessuno abbia associato Mombasa all'inno di Forza Italia? Sono uguali!! E comunque no, niente premio, non siamo a Natale!
Oggi mettiamo a confronto "Love at first" di Joe Yellow con una canzone italiana degli anni 90 (indizio n.1). L'odierno dubbio è più difficile al precedente, ma conto comunque sulle vostre capacità, so di essere in buone orecchie... o no?
Buon ascolto!

Indizio n. 2: il plagio inizia al minuto 0:57 del video.

venerdì 25 marzo 2011

Marlene Kuntz - Il solitario



Il solitario, in assenza di loquacità
è avvoltolato in un enigma,
siede pensoso al limite della realtà
accavallando le sue lungha gambe.

Lo puoi notare perchè è un indecifrabile

Porta il suo sguardo negli accessi e cosa non si sa
e li pervade di fascino;
si tocca il mento e si schermisce alla gestualità
di chi sta accanto e lo incomoda.

Lo puoi giurare in sintonia con i fatti suoi,
quand'anche siano sostanzialmente guai,
perchè nel suo mondo è pace
ed è per questo che lui lo abita.

Il solitario, in gran miseria di calorosità,
sta bene al largo di un dilemma che prima o poi avrà
e non si chiede come tutta la faccenda finirà.
No, non si chiede come finirà.

E non si chiede se l'amore che non dà
si vestirebbe un giorno di fatalità 
Lo stesso amore che non prende
e che vestito a lutto a prenderlo verrà;
lo stesso amore che non prende
e che, bellissimo, a prenderlo verrà.

giovedì 24 marzo 2011

La cultura è per tutti... forse



Ecco la presidente della commissione sport, cultura e spettacolo della regione Lazio, una donna nominata sicuramente per le sue grandi virtù e i suoi dialoghi brillanti che a una domanda pòstale (pòstale?) sui saldi, risponde leggendo spudoratamente da un gobbo o un cartellone o chissà cosa, comunque legge... e leggere risulta così difficile che ha il fiatone e probabilmente a un certo punto non la inquadrano più causa agitazione e sudore!!
Ciò che è giusto, la sezione spettacolo è perfetto per lei, ne ha appena dato dimostrazione... magari istituissero anche la commissione figure di cacca!!

p.s. non le chiedete il riassunto di quel che ha detto o delucidazioni in merito perché mettereste la presidente moooolto a disagio!!!

mercoledì 23 marzo 2011

Dov'è la primavera?



Basta pioggia, io non voglio un timido sole che fa capolino dalle nuvole, basta freddo, come cantava -anzi urlava- la tizia di Amici "Voglio calorEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!" Ops, scusate, spero di non avervi reso sordi!!
Primavera, dove sei?

martedì 22 marzo 2011

Cosa facciamo a fare i referendum?



Luciana Littizzetto dà la spiegazione a partire dal minuto 05.17 e aggiungo: "Questo nucleare non s'ha da fare!!".
Consiglio di vedere tutto il video tratto da "Che tempo che fa" del 20 marzo perché la Littizzetto ha dato il meglio di sè, io le ho perfino ho un solitario standing ovation sostituendo un intero stadio con tanto di camminata da destra verso sinistra alzando e abbassando contemporanemente schiena e braccia!! ^_^

lunedì 21 marzo 2011

Nessuno mi può giudicare



Paola Cortellesi è stupenda, ha una mimica facciale straordinaria: riesce a far sorridere, riesce a far commuovere, riesce a far emozionare come poche altre, più passano gli anni e più la Paoletta nazionale diventa brava!

Peccato che non basti Paola Cortellesi a realizzare un buon film... no, aspettate, Nessuno mi può giudicare non è brutto, molte battute sono attuali e simpatiche, ma se da una parte ti insegna che non bisogna mai giudicare senza conoscere la vicenda personale, dall'altra parte ti insegna che fare la escort aiuta e non poco!! Il film mi è sostanzialmente piaciuto (merito anche di Rocco Papaleo, ma quanto è simpatico! La battuta cult è la sua "Che siamo in un film di Nanni Moretti?!? Siamo in un film di Nanni Moretti?!?"), fino alla penultima scena. Cosa succede nella penultima scena, semplice [spoiler] Giulio (Raoul Bova) ha un Internet Point usato soprattutto da extracomunitari e gli affari non vanno bene, non paga l'affitto da mesi e quindi viene sfrattato dal locale. Gli extracomunitari cercano di aiutarlo dandogli i loro risparmi, ma non bastano, sono pochi, e quindi via, Giulio deve lasciare il posto... ma arriva Eva, la super-escort per eccellenza, che dà un assegno al proprietario e risolve i problemi. Qual è la morale della favola? Lavorare onestamente non serve, avere amici extracomunitari ma soprattutto senza soldi non serve, se vuoi vivere senza problemi devi scegliere le scorciatoie e darla via!!! Vedi come Eva non ha problemi?!? E visto che siamo in spoiler, se mia figlia dovesse fare la escort, ma col cavolo che la perdonerei così facilmente, figuriamoci se dovesse farlo il fidanzato/a!! [fine spoiler e sfogo personale].

Sinceramente non so se consigliarvelo o no, fate come vi pare... e comunque già il titolo indica come ormai si vive pensando "io faccio quel che mi pare e piace", infischiandosi della moralità e delle proprie responsabilità!

domenica 20 marzo 2011

Sondaggio "Rubrica domenicale": i risultati


Stop alle telefonate, il clicvoto è finito con il seguente risultato:

- "Il video della settimana": 3 voti;
- "I film della settimana": 1 voto;
- "Entrambi": 1 voto;
- "Niente": 0 voti.

Il popolo ha deciso AUH AUH AUH!!!.. e dunque da domenica inizierà questa nuova rubrica. Per la decisione dei video cercherò di scegliere quelli inseriti nell'arco della settimana su Youtube e riguarderanno qualsiasi argomento: politica, sport, televisione, musica, umorismo, eccetera. Vi aspetto!!

p.s. ieri avete visto la Luna all'orizzonte? Se no, peccato, la Luna era grandiosamente immensa e vi siete persi uno spettacolo "bellissimooooo" che si ripeterà tra diciotto anni!

sabato 19 marzo 2011

Dubbio musicale n. 25



Ciao a tutti e benvenuti nel 25mo dubbio musicale! Nella puntata precedente nessuno ha indovinato la somiglianza tra "Souvenir of China" e l'intro de "Il mondo che vorrei" di Vasco Rossi ma nonostante tutto... io sono ancora qua!! Eh già!! Eh già!!.. ma perché canto questa canzone se mi fa schifo?!? Lasciamo perdere và, e proponiamo subito il nuovo quesito, oggi si ritorna con il trash: chi ha copiato "Mombasa" di Taiska? A voi la risposta! Buon ascolto!!


Classifica generale:
Marco: 9 punti
Mery: 5 punti
Momo: 3 punti
Angela & Martin: 1 punto
Resto del mondo: 0 punti

venerdì 18 marzo 2011

Audrey al cinema? Un sogno che si avvera!!



Non sapete come mi batte forte il cuore, ma tantissimo, è così forte la gioia e la felicità che non riesco a trattenerle nel mio corpo e infatti sto condividendo questa notizia con tutti quelli che mi capitano sotto tiro, immaginate scene del tipo:
"Ehi ciao, ma stasera ti va di andare lì?"
"Certo, ma lo sai che..." e racconto la notizia che state per leggere:

Dal 22 marzo presso gli "The Space" cinema inizierà il Legend Film Festival che propone 25 titoli che hanno fatto la storia del cinema e sapete cosa si avrà la possibilità di vedere? Dal 31 maggio al 2 giugno 2011 sarà proiettato Sciarada e... udite udite... dal 6 all'8 settembre COLAZIONE DA TIFFANY!!!!!!!! Svengoooooo!! Ci sono ovviamente altri titoli interessanti che potete leggere qui.

Si sta per avverare un sogno... e senza stelle cadenti!!! Usciamo anche noi a far baldoria per festeggiare l'avvenimento? Iniziamo con lo champagne di prima mattina... ehmmmm non ne ho in casa, berrò l'acqua facendo finta che sia champagne!! Fatelo anche voi con me!!

p.s. nel video: la mia reazione alla notizia, però io ero meno urlante ma soprattutto meno indemoniata, quindi potete posare i telefoni e non chiamare l'esorcista!
p.p.s. scusate se parlo di politica anche in un post così bello, ma voi sapevate che il 49% dello Space Cinema appartiene a Mediaset?!?!?!? 

giovedì 17 marzo 2011

Auguri Italia!!



Come ben sappiamo tutti, oggi si festeggia il 150mo anniversario dell'unità d'Italia: dal Piemonte alla Sicilia, tutti (o così voglio sperare) ricordano questo importante evento con manifestazioni, con poesie, con musica, mostrando il tricolore, scrivendo un post nel proprio blog/forum/qualsiasi pagina personale e chi con un semplice pensiero... AUGURI ITALIA!!!

h. 12.15, aggiornamento: non capisco coloro che dicono "io non festeggio", "per me è un giorno come gli altri"... occorre loro ricordare che hanno la libertà di dire queste frasi e possono comportarsi come desiderano grazie al sacrificio di altre persone? Questi eroi non possono essere trattati  in maniera indifferente, meritano rispetto!

mercoledì 16 marzo 2011

Carmen Consoli - AAA cercasi



La sempre più mitica Carmen Consoli ci regala questa chicca sull'attuale situazione italiana con ironia e satira! Brava cantantessa, la musica italiana non è morta e tu continui a dimostrarlo!


AAA cercasi
Ah ah...

Cercasi avvenente
signorina ben fornita intraprendente.
Giovane brillante
ma più di ogni altra cosa dolce e consenziente

Cercasi apprendista
virtuoso onesto imprenditore garantista
offre a donzelle in carriera
un'oppurtinità di ascesa inaudita

donna giovane illibata AAA CERCASI
donna usata già rodata AAA CERCASI
donna sicula o padana, oriunda clandestina
aaah vediamo come balli a suon di samba o cha cha
a colpo d’occhio sei portata e molto telegenica
ma forse ti interessa più la musica

Cercasi badante
un ottantenne miliardario affascinante
offre a cagne di strada
un’ opportunità di vita più agiata

donna ipenitente e ladra AAA CERCASI
donna santa e incesurata AAA CERCASI
deceduta il giorno prima basta che sia bona

aaah come baceresti se dovessi fare cinema
scena prima ciak motore azione poi si gira
o forse ti interessa la politica
aaah ministro degli affari a luci rosse o di cosmetica
al giorno d’oggi tra i due sessi non vi è differenza
il bel paese premia chi più merita

come cantaresti anima mia o finchè la barca va
al primo ascolto sembri assai portata per la lirica
o forse ti interessa l’astrofisica...

sabato 12 marzo 2011

Dubbio musicale n. 24



Ciao a tutti, eccoci al sabato e quindi dubbio musicale sia!! Nella sfida precedente Marco ha confermato il suo dominio indovinando la somiglianza tra "Superfreak" di Rick James e "U can't touch this" di McHammer, approfittando di un momento di superimpegni di Mery e superdistrazione di tutti gli altri... riuscirà ad arrivare a quota dieci punti oppure sarà bloccato da qualcuno? Lo scopriremo solo su Componente Instabile! Nel frattempo vi regalo un souvenir cinese... no, non sono stata in Cina, ma il concorrente in gara oggi è Jean Michel Jarre con il suo "Souvenir of China". Buon ascolto!!

Classifica generale:
Marco: 9 punti
Mery: 5 punti
Momo: 3 punti
Angela & Martin: 1 punto
Resto del mondo: 0 punti

Aiutino: il plagiante è italiano.. eh già!

venerdì 11 marzo 2011

Il grinta



TRAMA: Mattie Ross ha solo 14 anni ma è fermamente intenzionata a vendicare la morte del padre, ucciso a sangue freddo da Tom Chaney. Decide così di assumere un ufficiale dell'esercito federale Usa alcolizzato e dal grilletto facile, Rooster Cogburn, e insieme a lui dà la caccia a Chaney prima che l'agente governativo La Boeuf lo catturi e lo riporti in Texas per l'omicidio di un altro uomo.

Mattie Ross ha solo 14 anni ed è già una ragazzina con le palle, non si lascia ingannare facilmente né abbassa la testa in caso di pericolo... ne ha di "grinta"!!!! Commette un solo errore: si affida ad uno sceriffo detto "il grinta" ed a un Texas Ranger, però quello sbagliato... cavolo, non puoi non chiamare Chuck Norris, lui con un unico calcio avrebbe sconfitto tutti i tipi a cavalli -e non sarebbe stato messo a tappeto come La Boeuf a metà film-, con un pugno avrebbe abbattuto un cavallo e con un doppio salto mortale avrebbe... ehm no, non lo scrivo perché riguarda il finale! No no, Mattie, sei intelligente ma hai ancora molto da imparare ^_^

Scherzi a parte, i Coen alla regia sono fantastici, Jeff Bridge è un attore capace di interpretare qualsiasi ruolo, Matt Damon non è fastidioso come in altri film (Hereafter per primo), dialoghi brillanti, però c'è qualcosa che mi impedisce di gridare al capolavoro nonostante tutte queste premesse, forse perché non sono una fan del genere western e quindi non mi ha emozionato come avrebbe dovuto se non in alcune scene!
Da vedere ma non con alte aspettative.

mercoledì 9 marzo 2011

Sister Act



Ieri per celebrare la festa della donna ho deciso di guardare un film che abbia una protagonista donna... inizialmente ero indecisa tra Kill Bill e Sister Act, però avevo voglia di farmi due risate e quindi suor Maria Claretta ha battuto Black Mamba (che spero non si sia offesa e non cerchi la vendetta)! 
Sister Act è una di quelle commedie che non ti stancheresti mai di vedere, ormai è un classico nonché capolavoro con una splendida Whoopy Goldberg... e comunque concordo con lei: le chiese dovrebbero essere dei tempi del rock, la musica avvicina tutti -se fatta bene-.
Conoscete tutti Sister Act, quindi non mi dilungo con trama, però voglio farvi notare un dettaglio o meglio una considerazione che da ragazzini non credo si faccia (io almeno ci sono arrivata ieri): il discorso del coro che potete sentire nel video non vale solo nell'ambito coro, ma è anche una metafora su quel che vale nella vita: bisogna essere unite, ascoltare chi sta vicino e soprattutto non cercare di superare l'altro se si vuole essere armoniosi; queste regole valgono in qualsiasi contesto... se si mettono in pratica questi suggerimenti il risultato sarà questo:



per poi diventare quest'altro:


martedì 8 marzo 2011

Viva la (vera) donna

Auguri a tutte le donne, mai come quest'anno meritiamo di essere considerate come donne e non come oggetti... secondo me non è una semplice coincidenza che Carnevale e festa della donna coincidino, ormai -a causa di tv, politici e simili- siamo derise e trattate da pagliacce in maniera così pubblica e plateale che non capisco come facciano certe a non vergognarsene e ad essere felici così (mi riferisco a bimbeminkia, fan di Uomini & Donne, persone di razza femminile disposte a vendersi per capricci e/o soldi e/o favori, ragazze in cerca di scorciatoie che non portano a nulla se non al degrado proprio e della società, eccetera).
Appello rivolto a tutte le donne: stasera evitate feste e festini con relativo spogliarellista, opponetevi in tutti i modi a questo mercificare di corpi; la donna non va rispettata solo un giorno su 365 ma sempre, e in questo modo vi togliete anche quell'unico giorno!!

p.s. la vignetta di Andrea Pazienza è stata presa da (sono io che ho aperto questo blog) in cui viene anche data una spiegazione.

lunedì 7 marzo 2011

Si dà un pugno da solo



Ahahahahah, è un genio, questo giocatore è un genio... o un imbecille, decidete voi!!
Por favor Garraco, por favor! Persino i telecronisti prendono in giro e deridono questo genio del calcio che, per ottenere una punizione o chissà cosa, prende la mano dell'avversario e si dà un pugno da solo!!! Ahahahahah, è incredibile come si possa essere tanto idioti... o furbetti: l'arbitro per fortuna non ci è cascato, ma pensate se effettivamente l'innocente avversario avesse subito l'ammonizione o peggio l'espulsione!! 
Il premio "simulazione più stramba" è sicuramente suo, non gliela toglie nessuno... sarà il prossimo acquisto di qualche squadra nostrana?

sabato 5 marzo 2011

Dubbio musicale n. 23



Ciao ragazzi, oggi un post velocissimo!! La scorsa volta nessuno ha indovinato, evidentemente "The radio" di Get Far Fargetta (credo, non ho ricontrollato se l'autore è giusto) non ha speranze di superare Angelo Branduardi, dunque la classifica generale rimane immutata:

Marco: 8 punti
Mery: 5 punti
Momo: 3 punti
Angela & Martin: 1 punto
Resto del mondo: 0 punti

Oggi dubbio musicale facile facile, ho scoperto questa canzone -l'originale, per intenderci- grazie a Miss Little Sunshine e allo stupendo balletto finale (avrei voluto inserire proprio il ballo come video, ma poi ho pensato a chi non ha ancora visto il film e quindi non vorrei togliere la sorpresa). Chi ha campionato "Superfreak" di Rick James? A voi la risposta... e mentre pensate guardatevi lo stupendo Little Miss Sunshine!!

Buon ascolto e visione!

giovedì 3 marzo 2011

Federalismo municipale?!?!?!?



Ma siamo matti... o meglio: ma sono matti?!?!?!?!? Il federalismo municipale?!?!?!?!? E come riusciranno a sopravvivere i comuni con meno abitanti e soprattutto poco turismo? Ripristineranno l'ICI? Inventeranno una nuova tassa? Aboliranno il pronto soccorso? Elimineranno definitivamente le scuole pubbliche? I cittadini puliranno da soli le strade? Manderanno i figli a coprire i buchi sull'asfalto al posto di andare al mare d'estate?
Altro che Italia unita, qui ci stiamo dividendo ogni giorno di più!

"Federalismoooo... Federalismoooo!!" Ha ragione Lucianina Littizzetto a partire dal minuto 6.20 del video: Bossi ormai ripete sempre e solo quella parola!!! 


mercoledì 2 marzo 2011

Io mi rassegno



Evviva il buon cinema, evviva la febbre da film ma soprattutto evviva le rassegne cinematografiche!! Al cinema del mio paese, il Pixel, dal 18 marzo ogni venerdì proietteranno un film non proiettato in precedenza per un totale di dieci pellicole! I titoli scelti sono uno più bello dell'altro (o almeno la maggiorparte sono film che avrei voluto vedere sul grande schermo come ad esempio Precious):

- 18 Marzo: Noi credevamo di Mario Martone (curiosissima di conoscere meglio un po' di storia italiana, e poi è il film ideale da vedere il giorno dopo i festeggiamenti del 150° anniversario dell'unità d'Italia!)

- 25 Marzo: La pecora nera di Ascanio Celestini (Ascanio Celestini è un grande comico e questo è un altro film che avrei voluto vedere e finalmente ho la possibilità di farlo! Ottima scelta!!)

- 1° Aprile: Una sconfinata giovinezza di Pupi Avati (ho letto pareri discordanti quindi bisogna vederlo e valutare di persona per giudicarlo)

- 8 Aprile: Il mio nome è Khan di Karan Johar (l'11 settembre visto con gli occhi di un orientale... la premessa è interessante)

- 15 Aprile: Precious di Lee Daniels (so già che mi piacerà!)

- 29 Aprile: Senna di Asif Kapadia (non sono un'appassionatissima di Formula 1 -però qualche gara mi è capitata di vederla- ma Senna ha tutto il mio rispetto e spero bene anche per questo film-documentario)

- 6 Maggio: American life di Sam Mendes (altro film che avrei voluto vedere al cinema -arrivò a Bari al "Nuovo Splendor", un bellissimo cinema che proietta quasi esclusivamente film snobbati dai megaultramultisale -quelli tipo "The space" ex Warner Village, per intenderci, che abolirei seduta stante... hai otto sale se non più e metti solo cinepanettoni e simili!!! Magari in futuro dedico un intervento alla gente che frequenta quelle sale perché le esperienze peggiori sono avvenute tutte lì e al Galleria... chiusa parentesi - ma impossibilitata a farlo, sono contentissima che l'ultimo lavoro di Sam Mendes sia rassegnato!)

- 13 Maggio: Tamara Drewe – Tradimenti all'inglese di Stephen Frears (curiosa di vederlo per lo stesso motivo di "Una sconfinata giovinezza")

- 20 Maggio: La donna che canta di Denis Villeneuve (un film che parla di guerra e dovrebbe spiegare la sua assurdità, vedremo in che modo)

- 27 Maggio: Febbre da fieno di Laura Luchetti (non so nulla di questo film né mi voglio documentare, lascio tutto al caso, spero sia un gran finale)

So che probabilmente a molti non interessa questa notizia perché lontani dal mio paese, ma le belle notizie vanno diffuse, altrimenti tanto vale rassegnarsi... e comunque io mi rassegno!!

martedì 1 marzo 2011

Il cigno nero



TRAMA: A New York una compagnia di balletto sta allestendo "Il lago dei cigni" e il regista Thomas Leroy decide di sostituire la prima ballerina Beth con Nina. Ne "Il lago dei cigni" sono previsti i ruoli dell'innocente cigno bianco, adatto a Nina, e del sensuale cigno nero, più adatto a Lily. La rivalità tra le due ballerine, porterà Nina ad esplorare il suo lato oscuro senza la certezza che Lily sia una vera nemica, ma solo frutto della sua mente, facendo nascere in lei un'ambigua ossessione.

Avevo alte aspettative per questo film, tutte confermate: inquietante, morboso, ossessivo, esattamente come la mente di Nina... dentro ognuno di noi c'è un cigno nero che aspetta solo di uscire allo scoperto, soprattutto se è sempre rimasto nascosto come quello di Nina, già fragile di psiche e infatti [spoiler] proprio il fatto di dover mostrare il suo lato oscuro per interpretare anche il cigno nero nel balletto smuove la parte buia della sua personalità e la porta a sperimentare sensazioni e comportamenti mai provati prima (la discoteca, l'approccio con l'altro sesso, lo stesso sesso) e questo la fa impazzire, tanto da crearle una sorta di doppia personalità: il cigno bianco, colei che crede di vivere in una casa delle bambole, e il cigno nero, colei che si sente libera ed indipendente... e queste due personalità non riescono a coesistere, tanto che una cerca di eliminare l'altra [fine spoiler].
Un film che è un crescendo di emozioni, personalmente al cinema non so se ho respirato oppure ho trattenuto il fiato per tutto il tempo soprattutto nell'ultima mezz'ora!
Oscar strameritato per Natalie Portman, è stata perfetta!

p.s. spoileroso: ma secondo voi Nina ha veramente ucciso Beth o l'ha soltanto immaginato? Non riesco a togliermi questo dubbio!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...