mercoledì 29 giugno 2011

Attenzione: contiene parole



Siamo un popolo strano, molto strano, anni di scoperte e conquiste per cosa? Per leggere su un prodotto di noccioline "attenzione: contiene noccioline"... ma dai, pensavo noci di cocco versione mini, che stupida che sono!

Il merito -o colpa- di questo post è del dottor Jim (prendetevela con lui) nel cui blog ha inserito la classifica dei trenta avvisi più strani trovati in giro e ho pensato "anch'io anch'io!!!".
Purtroppo non so se i seguenti avvisi sono reali o meno ma sono talmente stupidi che secondo me sono veri!! Buona lettura!

1. Sul Nytol, medicinale per favorire il sonno: “Attenzione: può causare sonnolenza”.
2. Sul Tiramisù semifreddo della Tesco: “Non capovolgere” (Stampato sul fondo della scatola).
3. Sulla scatola di noccioline distribuite sui voli American Airlines: “Istruzioni: aprire il pacchetto, mangiare le noccioline”.
4. Sul budino di pane venduto da Marks & Spencer: “Il prodotto sarà caldo dopo averlo riscaldato”.
5. Su una confezione di noccioline: “Attenzione: contiene noccioline”.
6. Sul salmone commercializzato dalla Salnsbury: “Attenzione: contiene pesce”.
7. Sulle confezioni di una marca di cibi congelati: “Suggerimenti per servire il piatto: scongelare”.
8. Su una confezione di sapone: “Istruzioni: usare come normale sapone”.
9. Sulla medicina Boot, per curare la tosse dei bambini: “Non mettersi alla guida o operare su macchinari pericolosi dopo aver ingerito questa medicina”.
10. Sulle confezioni di parecchie marche di luci di Natale: “Esclusivamente per uso al chiuso o all’aperto”.
11. Sul costume di superman per bambini "quelli di carnevale": "Attenzione l'abbigliamento non abilita il volo"



Anche in ambito informatico la razza umana non ne esce a testa alta, ecco alcune chiamate di utenti idioti, in gergo utonti:

1. Questa è una storia vera tratta dal supporto tecnico di WordPerfect. Non serve dire che l'impiegato è stato licenziato; tuttavia, lui/lei ha citato in giudizio la WordPerfect per "Termination without Cause". e da quel che si è saputo in rete, l'ha pure vinta.
Ecco il dialogo tra un cliente e il suddetto impiegato:
"Ridge Hall computer assistant; posso aiutarla?"
"Si, be', ho un problema con WordPerfect."
"Che tipo di problema?"
"Be', stavo scrivendo, quando di colpo tutte le parole sono andate via."
"Andate via?"
"Sono sparite."
"Hm. Cosa c'è sullo schermo?"
"Niente."
"Niente?"
"E' vuoto; e non accetta niente quando io premo i tasti."
"Lei è ancora in WordPerfect, o ne è uscito?"
"Come posso saperlo?"
"Può vedere il prompt C: sullo schermo?"
"Cos'è un sea-prompt?" (NdT: C: Prompt in inglese, prompt c:\> in italiano)
"Non importa. Riesce a muovere il cursore sullo schermo?"
"Non c'è nessun cursore: gliel'ho detto, non accetta niente di quello che digito."
"Il suo monitor ha un indicatore di accensione?"
"Cos'è un monitor?"
"E' la cosa con uno schermo che sembra una TV. C'è una lucetta che dice quando è acceso?"
"Non lo so."
"Bene, allora guardi sul retro del monitor e cerchi dove entra il cavo di alimentazione. Riesce a vederlo?"
"Si, penso di si."
"Benone. Segua il cavo fino alla spina, e mi dica se è inserito nella presa nel muro."
"... Si, è inserito."
"Quando lei era dietro al monitor, ha visto se c'erano due cavi collegati sul retro del monitor, e non uno solo?"
"No."
"Ok, ci sono. Mi serve che lei guardi dietro di nuovo e cerchi l'altro cavo."
"... Ok, eccolo."
"Lo segua per me, e mi dica se è ben infilato nella sua presa dietro al computer."
"Non ci arrivo."
"Mmm. Be', non riesce a vederlo?"
"No."
"Anche mettendo il ginocchio su qualcosa e sporgendosi in avanti?"
"Oh, ma non è perché non ho la giusta angolazione, è perché è buio."
"Buio?"
"Già. Le luci dell'ufficio sono spente, e l'unica luce che c'è proviene dalla finestra."
"Be', accenda le luci dell'ufficio, allora."
"Non posso."
"No? Perché no?"
"Perché manca la corrente."
"Manca... la corrente? Ah, ok, abbiamo scoperto il problema. Ha ancora lo scatolone, i manuali e l'imballo di quando il suo computer le è arrivato?"
"Be', si, li tengo nello sgabuzzino."
"Molto bene. Li prenda, scolleghi il suo sistema e lo imballi come era quando le fu consegnato. Poi prenda il tutto e lo porti indietro al negozio dove lo ha acquistato."
"Davvero? E' così grave?"
"Si, ho paura di si."
"Be', allora è tutto a posto, suppongo. Cosa devo dire loro?"
"Dica loro che lei è troppo stupido per possedere un computer."

2. Compaq sta considerando di cambiare il comando "Press Any Key" in "Press Return Key" a causa delle continue chiamate che chiedono quale sia il tasto "Any".

3. Il supporto tecnico di AST ha avuto una chiamata che lamentava che il mouse era molto difficile da controllare con il copri mouse antipolvere messo su. Tale copri mouse si è scoperto essere poi il sacchetto di plastica in cui il mouse viene imballato.

4. Un altro tecnico ha ricevuto una chiamata da un uomo che si lamentava che il sistema non leggeva i suoi file di word processing dai suoi vecchi dischetti da 5.1/4 pollici. Dopo aver appurato che non sono stati sottoposti a campi magnetici o calore, si e scoperto che il cliente aveva messo le etichette sui dischi, e poi li ha arrotolati nella macchina per scrivere per poter scrivere sulle etichette.

5. A un'altra cliente viene chiesto di spedire indietro una copia dei suoi dischetti difettosi. Pochi giorni dopo arriva una lettera della cliente con le fotocopie dei floppy.

6.Un altro cliente chiama il supporto tecnico per dire che non riesce, col suo computer, a spedire i fax. Dopo 40 minuti di chiarimenti, il tecnico scopre che l'uomo sta tentando di faxare un foglio di carta tenendolo appoggiato allo schermo e premendo il tasto "invia".

7. Ancora un altro cliente chiama per dire che la sua tastiera non funziona più. L'ha pulita immergendola in acqua e sapone e strofinando per un giorno, e quindi rimuovendo tutti i tasti e lavandoli singolarmente.

8. Un tecnico della Dell riceve una chiamata da un cliente che è arrabbiato perché il suo computer gli ha detto che è "bad and an invalid". Il tecnico spiega che le risposte "bad command" e "invalid" del computer non vanno prese come qualcosa di personale.

9. Un cliente confuso chiama il supporto tecnico per un problema di stampa di documenti. Egli dice al tecnico che il computer gli ha detto "coundn't find printer". L'utente ha provato girando il monitor verso la stampante, ma il computer continua a non vederla.

10. Un cliente arrabbiatissimo chiama il supporto tecnico telefonico perché non riusciva a stampare l'inventario di magazzino, composto da più di 400 pagine, sulla sua stampante ad aghi. Dopo un'intera giornata di assistenza telefonica e l'invio di più di trenta stampe alla stampante (il cui rumore si sentiva perfettamente al telefono) il tecnico, subito prima di partire per la sede dell' interessato in un lampo di genio chiedeva "ma c'è la carta nella stampante?" la risposta fu "carta? quale carta? perché, serve la carta?"

11. Una cliente esasperata chiama il supporto tecnico per dire che non riesce ad accendere il suo nuovo computer. Dopo essersi assicurato che il computer è alimentato, il tecnico le chiede cosa accade quando lei preme il pulsante. Lei risponde: "Continuo a premere su questo pedale ma non succede niente". Il "pedale" si è scoperto essere il mouse.

12. Un'altra cliente chiama il supporto tecnico della ditta che ha prodotto il suo computer per dire che il suo nuovo computer non funziona. Dice che ha disimballato l'unità, ha inserito la spina ed è stata 20 minuti seduta li davanti aspettando che succedesse qualcosa. Quando le viene chiesto cosa è successo quando ha premuto l'interruttore, lei chiede: "Quale interruttore?".

13. Un industriale chiama il supporto tecnico di una notissima casa produttrice di minicomputer per lamentarsi che il nuovo computer appena acquistato non funzionava. Quando i tecnici giunsero presso la sede dell'azienda notarono il sistema ancora imballato depositato nell' ingresso. i sigilli dell' imballo non erano neanche stati toccati. L'industriale si lamentava che il commerciale gli avesse venduto la macchina dicendogli che faceva il lavoro di 20 impiegati, mentre quello era stato lì fermo senza far nulla fin da quando era stato consegnato. non si era mosso neanche di un centimetro...

14. Chiamata al supporto tecnico:
Cliente: "Salve, è il Supporto Tecnico?".
Tecnico: "Sì. Come posso aiutarla?".
C.: "Il porta-tazza del mio PC si è rotto e sono ancora in garanzia".
T.: "Mi scusi, ma lei ha detto porta-tazza?".
C.: "Si, è sul frontale del mio computer".
T.: "Perdoni se le sembro un po' perplesso, ma è perché lo sono. Lo ha ricevuto come parte di una promozione, in qualche fiera? Come le è arrivato questo porta-tazza? Ha qualche marchio inciso sopra?".
C.: "E' arrivato insieme al computer; non so nulla di nessuna promozione. C'è solo scritto '4X' sopra".
A questo punto il tecnico ha spento il suo microfono, perché non è più riuscito a trattenersi dal ridere. Il cliente stava usando lo sportelletto del drive CD-ROM come un porta-tazza, tenendolo sempre aperto.

15. Un altro cliente IBM ha dei problemi ad installare del software e telefona per il supporto. "Ho messo il primo dischetto, ed è andato tutto bene. Poi mi ha detto di mettere il secondo dischetto, e li ho avuto dei problemi. Quando mi ha detto di mettere il terzo disco, non sono più riuscito a farcelo entrare...".
L'utente non aveva realizzato che "Inserire il Disco 2" significa prima rimuovere il Disco 1.

16. In maniera analoga, un cliente ha seguito le istruzioni per installare il software. Le istruzioni dicevano di rimuovere il disco dal suo imballo e di metterlo nel drive. L'utente ha aperto fisicamente il disco rimuovendo il disco magnetico dalla sua sede rigida, e poi si è chiesto perché non funzionava...



Saranno vere? Boh, ma data la stupidità propenderei per rispondere sì, it's really a strange world!

3 commenti:

  1. Ricordi, Luciana Littizzetto ha parlato spesso di quelle bustine da uso esterno ingerite da tantissime donne...che vergogna per il nostro genere femminile!

    RispondiElimina
  2. sono sempre stato dell'idea che la realtà surclassi la fantasia alla grande!!

    RispondiElimina
  3. @Anna: Come dimenticare il tamtum rosa con l'avviso "non bere" :D
    @mbj: per la serie "ho letto cose che voi umani non potete neanche immaginare"!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...