giovedì 16 febbraio 2012

Anche il Vaticano potrebbe pagare l'Ici



Finalmente una notizia positiva sul Governo Monti: il nuovo provvedimento potrebbe riguardare anche il Vaticano che dovrebbe pagare l'Ici per gli immobili riservati ad uso commerciale. Dunque la chiesa intesa come luogo pubblico di culto è esente, ma i vari alberghi, ristoranti, scuole (private), ospedali (privati) e chissà quanti altri immobili situati in territorio italiano ma di proprietà del Vaticano saranno tassati. E giustamente, aggiungerei!
Ma perché questo provvedimento non è arrivato prima? Forse perché Berlusconi non voleva scontentare il Vaticano? Togliamo il forse. Per fortuna Mario Monti fa parte di un governo tecnico la cui caratteristica è non considerare l'elettorato perché non ne ha, sa che non è stato votato e non sarà rieletto. Ma finora aveva scontentato sempre e solo il ceto medio-basso con tasse e tagli. Ma adesso tra controlli della guardia di finanza e possibilità di tassare il Vaticano, potrebbe migliorare la situazione. Certo, ci sarebbe ancora tanto da cambiare, ma voglio sperare che sia un inizio e non un semplice contentino... E poi, scusate, ma il Vaticano non dovrebbe sacrificarsi per il bene dell'umanità? In fin dei conti, è questo il ruolo della Chiesa, no?

Passiamo ora ad una notizia informatica, in particolare al Striscia la notizia del Web. Parlo di Uribu, un sito italiano creato e gestito da ragazzi al momento sotto i 25 anni che serve di segnalare malfunzionamenti e denunciare ingiustizie, disservizi, sorprusi e malcomportamenti. Uribu permette anche il diritto di replica alle aziende coinvolte per permettere loro di dare maggiori spiegazioni. Nell'epoca dei social network, ormai anche la denuncia è diventata virtuale, però mi piacerebbe sapere come si riesca a capire se la denuncia è reale o inventata dall'utente, non c'è il rischio di diffamazione in caso di falso? Non lo so, questo non mi è ancora ben chiaro. 

E finisco con una notizia cinematografica. Quest'anno, al cinema, usciranno i due film su Biancaneve... non uno, ma due... ma sì, meglio abbondare: prima uscirà quello con Julia Roberts, poi quello con Charlize Theron. Comunque ho appena letto la notizia che gireranno due film anche su "La bestia e la bestia". Ma dai, di nuovo due?!? Ma perché?!? Ma soprattutto tutte queste rivisitazioni vedono le protagoniste che diventano guerriere (è successo ad Alice, succederà alle due Biancaneve), faranno lo stesso scempio anche per Belle?!?!? Se si azzardano a fare un qualcosa del genere anche ad Ariel, farò sicuramente qualche pazzia, qualcosa del tipo comprare il cd di Laura Pausini originale!!!!

4 commenti:

  1. sarebbe ora che pagassero anche loro...
    due film su Biancaneve in un anno non sono troppo?
    il cast però promette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' troppi, potevano separarli maggiormente, invece uno uscirà a marzo e l'altro a luglio!

      Elimina
  2. Sul far pagare l'ICI (o IMU o quel che è, il concetto non cambia) mi trovi d'accordissimo, anche perchè in quegli edifici ci fanno attività commerciali e non culto!

    Uribu non lo conoscevo ma grazie per la segnalazione, adesso passo a dargli un'occhiata ^^

    Ultimamente c'è questa moda di mettere queste eroine guerriere che sanno e fanno tutto loro. Io non sono per il modello principessa a tutti costi ma queste sono veramente insopportabili (per fare due esempi facili ci sono la gatta del Gatto con gli stivali e la tizia che ronza attorno a Jack Sparrow nell'ultimo film dei Pirati dei Caraibi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, non basta mettere una croce per far diventare un edificio un luogo di culto!

      Questione principesse guerriere: l'unica e sola principessa guerriera sarà sempre e solo Xena!!! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...