mercoledì 1 febbraio 2012

I parlamentari si riducono lo stipendio di 1.300 euro, ma...



A dicembre 2011 si parlò di ridurre gli stipendi dei Parlamentari. E quale fu la loro reazione? Rivolte e proteste, Dini addirittura affermò "Le nostre retribuzioni sono già sotto la media Ue"... sicuro, hanno torto le statistiche e i numeri... ma nonostante ciò, alla fine di un lungo percorso, finalmente la Camera ha deciso: sì al taglio degli stipendi per 1.300 euro lordi (700 netti). Non è granchè, ma meglio di niente, è perlomeno un inizio.
Ma quando si ha a che fare con i politici italiani, c'è sempre qualche beffa e ovviamente anche adesso: a fine mese la busta paga dei parlamentari sarà sempre la stessa, non è immutata. Come? Ma i 1.300 euro che si sono tagliati? Sì, quelli sono stati tolti ma le nuove norme previdenziali permettono ai politici di aumentare il loro stipendo di, pensa un po' che coincidenza, 700 euro netti, pari pari la riduzione che si sono applicati. Ma tu guarda che fortuna!!
Ci fermiamo qui? No, la beffa è doppia: tutti gli italiani hanno visto un taglio ai loro stipendi la cui cifra andrà in un fondo a parte. Fondo per cosa? Fondo per gli stessi deputati, cosa vi aspettavate? Scuola? Sanità? Pensioni? Ahahahah, no, state scherzando, vero? La risposta è deputati! Lo anticipa il questore del Pdl, Antonio Mazzocchi, che in serata ha spiegato “questi 1.300 euro che verranno tagliati saranno accantonati in un fondo a tutela di eventuali ricorsi da parte dei deputati”. [fonte: IlFattoQuotidiano.it]

Dovrei smettarla di leggere queste notizie, mi faccio del male e ne faccio a voi pubblicandole!!

2 commenti:

  1. Eh già. Non credo che nella lingua italiana esista un bestemmione tale da descrivere tutto questo schifo.

    Sailor Fede ma tu non ce l'hai qualche super potere da usare in questi casi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, io ho solo il potere di aiutare le vecchiette ad attraversare la strada al verde e non al rosso!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...