giovedì 1 marzo 2012

Hysteria



Ah no, scusate, ho sbagliato trailer!


La trama. Nel 1880 circa Mortimer è un giovane medico che purtroppo non riesce a trovare lavoro, finché non viene accettato da Dalrymple, specializzato in isteria femminile, secondo cui per curare le forme più leggere basta stimolare la parte intima del corpo. A casa del medico, Mortimer conosce le figlie, Emily e Charlotte, due ragazze completamente differenti tra di loro: la prima devota al padre, la seconda alla casa dei poveri. Ma ad un certo punto Mortimer ha problemi alla mano e non riesce più a "curare" le pazienti, finché non ha un'idea che può risolvere il problema...

Parere personale. Credo sappiate che Hysteria è la storia della nascita del vibratore, ma forse non sapete che rappresenta lo sfondo della vera trama del film: la condizione femminile alla fine dell'Ottocento e di come qualsiasi suo problema venisse etichettato con la parola "isteria", malattia che scomparirà solo negli anni Cinquanta perché giustamente non si tratta di malattia (pensate che nei casi considerati più gravi le donne dell'epoca venivano portate nelle case di cura e mutilazione degli organi genitali O_O... sono fortunata ad essere nata a fine Novecento). C'è anche spazio per una sorta di rivoluzione medica, in quanto da poco erano stati scoperti i germi ma la maggiorparte dei medici continuava ad usare la medicina tradizionale senza preoccuparsi di lavarsi le mani o cambiare le bende, e ovviamente è l'epoca dell'elettricità e delle grandi scoperte, tra cui il vibratore elettrico.
I personaggi maggiormente riusciti e i più convincenti sono Mortimer (Hugh Dancy), Charlotte Dalrymple (Maggie Gyllenhall) ed Edmund (Rupert Everett), ma anche Molly, il dottor Dalrymple, Emily... ok, un po' tutti. Bella anche l'ambientazione e i costumi, per un attimo ho avuto l'impressione di vedere un film storico, ed è stato anche più convincente di un film storico (non è forse vero Addio mia regina?). 
Nonostante il tema trattato, non si cade mai nella volgarità e si sorride di gusto, ieri al cinema ho immaginato questo film diretto da Carlo Vanzina o qualsiasi altro regista italiano... e all'istante Hysteria mi è sembrato un capolavoro!

Voto. 3+/5.

2 commenti:

  1. concordo
    rabbrividisco al pensiero di come questa storia sarebbe diventata nelle mani dei Vanzina-Veronesi-Pieraccioni-Neriparentiecc
    due o tre guitti, battute dialettali e una dozzina di sguaiatone
    brrrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Battute dialettali e piene di doppi sensi, ahimé!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...