venerdì 9 marzo 2012

Apple: pregi e difetti secondo me



Ecco un post che avrei voluto scrivere tanto tempo fa ma che ho sempre rimandato per un motivo o per un altro: altri argomenti, pigrizia, poca voglia di scrivere, poca voglia di pensare, poca voglia di impegnarsi, troppi altri impegni, dormire, mangiare, cacca, eccetera. Si può dire cacca su un blog? Se può Christian DeSica in tutti i suoi film, perché io no?

Ma tralasciamo queste righe inutili e andiamo avanti: il mio attuale sistema operativo è Windows XP (a mio parere il mio miglior Windows tra tutti i Windows: Vista non mi è piaciuto, Seven non l'ho neppure provato e sicuramente non proverò Eight, da poco rilasciato), ma in futuro passerò sicuramente a Linux.

Perché mi voglio occupare dei Mac? Perché tutto quel che è Apple si sta diffondendo sempre più, e giustamente direi, i prodotti Mac non sono brutti e possono essere utili, ma ci sono persone divenute fan Apple per motivazioni di moda o perché è cool o trendy o QualsiasiParolaIngleseViPiace avere quel determinato prodotto (riferito soprattutto agli iPhone). 
I Mac non sono perfetti, non esiste il sistema operativo o il dispositivo perfetto, il fatto che molti lo possiedono non è un pregio. Però guai a toccare gli Apple, alcune persone si arrabbiano, e tanto!

Pregi secondo me: 
- robustezza (dopo anni di utilizzo, il sistema non perde qualità);
- possibilità di avere tante applicazioni aperte senza rallentamenti;
- niente virus e trojan (al momento);
- la batteria ha effettivamente una lunga durata;

Difetti secondo me:
- costi (non tutti possono permetterselo, ma i costi sono elevati soprattutto se si considerano gli iDevice: l'iPhone ha un prezzo improbonibile, meglio comprarsi un computer con quella cifra);
- il codice è più chiuso di Windows (ad es. il formato Flash -ormai ampiamente diffuso- non è supportato), per me questo punto è importante: il codice aperto è fondamentale per risolvere subito errori e bug, invece con il codice chiuso bisogna aspettare che venga rilasciata la nuova versione e sperare che i problemi vengano risolti... se vengono risolti.
- un difetto su Mountain Lion, l'ultimo SO, infatti pare che (faccio copia-incolla da qui): “Gli utenti potranno scegliere di accettare apps da tutti (come ora), ma, di default, Gatekeeper consente solo d'installare programmi scaricati da Mac App Store o dai “negozi virtuali” digitalmente contrassegnati da uno sviluppatore accreditato e registrato”. Cosa significa? Semplicemente vuol dire che la Apple sta cercando di portare il mercato dei suoi utenti solo ed esclusivamente dalla sua parte, che sarebbe anche logico da un punto di vista commerciale, meno da un punto di vista etico perché l'utente deve sempre avere la scelta di decidere da dove scaricare quel che gli serve, e non solo da aziende che pagano la Apple per stare nel Mac App Store.

Ci tengo a ricordare che considero i Mac superiori ai Windows. In futuro potrò fare paragoni ragionati anche con Linux.

Un prodotto Apple che mi piace molto è l'iPod perché mi organizza la musica come non fa nessuno (o perlomeno non ho trovato chi lo fa): tutti i brani in ordine alfabetico, in più c'è la possibilità di selezionare un determinato artista e selezionare un particolare album di questo artista o tutti i brani, in più c'è la possibilità di selezionare un determinato album. L'ideale per le mie esigenze.

Per quanto riguarda gli iPhone vorrei fare anche un altro discorso personale: io uso il cellulare (un Nokia 1110 di quasi sei anni e perfettamente funzionante) esclusivamente per chiamare, essere chiamata, inviare messaggi, ricevere messaggi. Ah sì, la sveglia. Punto, non mi serve per nient'altro. E non lo uso tutti i giorni, alcune volte il cellulare rimane fermo sul comodino per ore e ore e ore e ore e ore e ore e ore, per questo motivo l'iPhone per me è inutile, tanto vale spendere la metà della metà della metà della metà della metà della metà della metà per avere un telefonino che soddisfa pienamente le mie esigenze. "Eh sì, ma l'iPhone ha le applicazioni, c'è un app per tutto" Chissenefrega, non mi servono sul cellulare... e poi molte app presenti sull'iPhone da 700 euro li ho visti sul Samsung Galaxy Ace del mio fidanzato costato sui 250 euro -il Samsung, non il fidanzato ^_^-.

Ripeto: non odio Apple, ma ho la sensazione che alcuni comprano quei prodotti non per esigenze personali ma per moda.

Voi come la pensate? Siete d'accordo con me? Sono troppo drastica? Fatemi sapere.

p.s. ho scritto il post di getto, sicuramente ci sono errori e alcuni concetti poco chiari. Scusatemi.

8 commenti:

  1. Io non sono assolutamente un'esperta in tecnologie varie (si può tranquillamente dire, anzi, che sia un po' impedita), ma sono piuttosto d'accordo con la tua linea di pensiero. Se uno ha necessità di comprare un prodotto Apple e ha i soldi per farlo buon per lui, ma i fanboy che adorano un marchio per partito preso sono parecchio sciocchi. Per non parlare di chi si indebita per possedere un oggetto che non può permettersi. Come dici giustamente, le funzioni indispensabili di un cellulare sono chiamate e sms, ed è la stessa ragione per cui anche io non sento necessità di cambiare il mio finché non cadrà a pezzi. Trovo semplicemente ci siano modi migliori per spendere i propri soldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non seguo le ultime novità tecnologiche e ho uno strano rapporto con la tecnologia: credo che sia ormai indispensabile per aiutare la vita delle persone, ma preferisco i prodotti semplici perché il rischio dipendenza è sempre in agguato. Certo, se c'è gente che non riesce a resistere alla tentazione di collegarsi su Internet per andare ad esempio sui social network, perfino durante il lavoro o peggio in vacanza, beh credo che ci sia qualcosa che non va (indipendentemente dal dispositivo che usa, sia Apple o altre marche). L'indebitarsi che giustamente citi tu è doppiamente da pazzi!
      "Trovo semplicemente ci siano modi migliori per spendere i propri soldi." Quoto.
      Grazie del commento :)

      Elimina
  2. Mi pare che qualche scienziato perdigiorno abbia pure fatto uno studio per dare un fondamento a quella che è percezione comune: per una buona fetta di utenti Apple, la meletta è più una religione che un marchio. Ergo, inutile portare motivazioni razionali sull'argomento. E sì, poi ci sono anche quelli che comprano IQualunqueCosa solo per moda, e un nutrito gruppo che è tecnologicamente in sintonia (boh, mi è venuta fuori così) con l'azienda.
    Per quel che mi riguarda, anche in questo campo sono ateo. Basta che funzioni e per me va bene, a prescindere dall'etichetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ci sono malati Apple che proprio non riesco a capire: nonostante abbiano un iPhone funzionante, hanno comprato il nuovo modello -credo il 4- al day one o comunque subito. Perché?!?!? Boh, ho provato a dare una spiegazione ma non ci sono riuscita.

      Elimina
    2. Non ci sono spiegazioni utili per la loro religione. Io invece vado sull'utilità e sul prezzo, quindi Android. Ma prima di fare un post sul blog col cellulare devono passare mesi. Anni invece per Linux.

      Elimina
    3. Android è un po' come iOS: pieno di tutto e quindi per esigenze particolari, ma perlomeno ha un prezzo più popolare.

      Elimina
  3. Vantarsi di possedere un cellulare costato quasi quanto una mesata di lavoro,e parlarne come fosse indispensabile per vivere, è sicuramente da ignoranti..Io,poi, non attribuisco a simili cianfrusaglie alcuna utilità o importanza, di nessun genere. Purtroppo mi è morto il Nokia 3310, altrimenti lo sfoggerei con fierezza: indistruttibile, la durata della sua batteria era infinita, e aveva solo le funzioni-base necessarie. Tutto il resto è noia (almeno secondo me).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo un Nokia 5110 che alla fin fine imparò a volare per quante volte è caduto e non si è mai fatto niente, giusto qualche graffietto sulla cover.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...