venerdì 27 aprile 2012

Il castello nel cielo



La trama. Pazu, un orfano che lavora in una miniera, un giorno vede cadere una strana luce, ma c'è qualcosa di strano: si tratta di una ragazza svenuta, Sheeta [si pronuncia Scita], che grazie ad una pietra che porta al collo riesce a planare lentamente. Qual è il segreto di questa ragazza? Perché è tanto ricercata dai pirati e dall'esercito? Qual è il reale potere di questa pietra? Eeeee, quante domande, guardate il film e avrete le risposte.

Parere personale. Prima le lamentele: ma è normale che questo film venga trasmesso solo alle 17? Alle 17!!! Non è possibile!! E solo per tre giorni!! Ma dai!! Ci sono film che vergognosamente rimangono in programmazione per mesi, e questo tre giorni. Per fortuna non c'erano bambini rompiscatole, in sala c'erano una decina di ragazzi silenziosi, e suppongo tutti fan dello Studio Ghibli. Vorrei lasciar perdere questi discorsi, ma non ci riesco, non smetterò mai di arrabbiarmi per questo motivo, trovo ridicolo penalizzare così determinati film. 
Il castello nel cielo è uno dei primi film realizzati da Hayao Miyazaki e già qui si possono notare alcune caratteristiche tipiche dello Studio Ghibli: i ragazzi hanno lo stesso aspetto (Sheeta ha perfino lo stesso vestito di Kiki, anche se in realtà sarebbe il contrario, ma è giusto per rendere l'idea), le vecchiette hanno tutte lo stesso aspetto, i paesaggi sono tutti meravigliosi, le musiche sono tutte stupende, la storia è totalmente coinvolgente, il rapporto uomo-natura è già presente. In realtà Il castello nel cielo parte un po' così così, ma dopo riesce a sorprendere e a far trattanere il respiro. Se vi piace Conan il ragazzo del futuro (dello stesso Miyazaki) e Il mistero della pietra azzurra, vi piacerà sicuramente anche Il castello nel cielo.

Voto. 4,5/5.

p.s. piccola nota inutile: Sheeta ha la stessa voce di Coraline ^_^

9 commenti:

  1. L'ho visto proprio ieri sera e concordo in pieno con la tua critica, a Bologna lo danno in una sala microscopica, solo due spettacoli al giorno. Non riesco a farci l'abitudine, è inutile, mi fanno sempre arrabbiare queste cose. Un film così bello dovrebbe essere molto più pubblicizzato e valorizzato dalla distribuzione italiana.
    Comunque vederlo al cinema è stata un'emozione, alla faccia di chi non lo conoscerà mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata la prima visione in assoluto ed è stato emozionante, non siamo ancora alla perfezione di Totoro ma lo Studio Ghibli è partito alla grande!

      Elimina
  2. Sono d'accordo con te sulla critica delle visioni solo pomeridiane, penso dovrebbe avere una sala tutta per sé almeno fino alla visione delle 8-9 per tutta la settimana. Purtroppo però è visto semplicemente come un film d'animazione per bambini e famiglie (quindi non adatto alla sera) e non si tiene molto conto dei fan di Miyazaki che o lo hanno già visto in altri modi o lo andranno a vedere comunque al pomeriggio per non perderselo. Come d'altronde spero di fare al più presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'orario pomeridiano è un problema per chi lavora, molta gente è costretta a perderselo perché c'è uno spettacolo unico ad un orario improponibile, ed è un peccato perché questi film meritano di avere maggiore successo.

      Elimina
  3. Mi spiace per chi non bazzica da queste parti, ma a Milano la situazione è molto migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male, ci sono cinema che rispettano le esigenze di tutti. Suppongo che anche a Roma gli orari siano migliori.

      Elimina
  4. Qui a Torino lo danno in quattro cinema in tutto e mi sono beccata una proiezione pomeridiana con troppi bambini petutanti (credo di essermene lamentata diffusamente nella mia recensione) XD
    Se penso che certe schifezze occupano le sale in serale per settimane mi viene un rabbia! Per questo motivo bisogna andare a vederlo tutti al cinema, in modo da riempire le sale e convincerli a dare anche a queste opere maggior spazio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella tua recensione ho sorriso, ma al posto tuo avrei reagito molto peggio!

      Elimina
    2. Pensa che ad un certo punto mi son girata e ho chiesto ad un gruppo di mocciosetti letteralmente di "Stare zitti due minuti, di grazia" e un grand'uomo di fianco se ne esce con "Ma poveri, sono bambini"! Ancora un po' e mi mangiavo lui XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...