giovedì 3 maggio 2012

Diaz/The avengers



La trama. Dopo i continui episodi di violenza durante il G8 di Genova del 2001 e la morte di Carlo Giuliani, i poliziotti vogliono trovare i black bloc a qualsiasi costo, persino con un blitz alla scuola Diaz.

Parere personale. Senza parole, sono uscita dal cinema sconvolta, indignata e senza parole per la crudeltà umana: ma come è possibile che nessun poliziotto abbia avuto un po' di pietà, hanno attaccato persino persone con mani in alto in chiaro simbolo di resa, e invece no, mangallenate per tutti, è stata una vera e propria carneficina, non c'erano vie d'uscita. La sceneggiatura di Diaz è presa dagli atti del processo a carico dei vari poliziotti, quindi racconta la verità; ma sapete cosa mi ha lasciato maggiormente sconvolta? Non solo delle persone si sono sentite potenti di malmenare delle persone incapaci di difendersi, non solo hanno giocato con la loro dignità, non solo hanno picchiato ed arrestato degli innocenti, ma non saranno mai puniti perché i reati stanno per andare in prescrizione.
Dice bene la locandina del film: "La più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale". Inizialmente pensavo ad un'esagerazione per attirare più gente al cinema, e invece no, mi sono ricreduta.

Voto. 4/5.



La trama. Nick Fury, a capo dello S.H.I.E.L.D., dopo aver saputo che Loki -fratellastro di Thor- si è impossessato del tesseract, ossia un cubo dall'incredibile potere, decide di unire vari supereroi per formare la squadra dei Vendicatori per salvare il pianeta. Il gruppo è composto da Ironman, Thor, Capitan America, Hulk, la Vedova Nera e Occhio di Falco; riusciranno a fermare Loki?

Parere personale. Wow, che filmone, ha tutte le caratteristiche che ci si aspetta: tanta azione, tanti effetti speciali, nemici potenti, battute non scontate e ben dosate (la maggiorparte per merito di Ironman, come giustamente ci si aspetta). A tutti viene dato il giusto spazio, la trama non viene mai messa da parte, le psicologie dei personaggi tutte perfettamente mantenute e lo spettatore si diverte. Generalmente non mi piacciono molto i film d'azione e tamarri (come ad esempio Transformers o Fast & Furious), ma The avengers per fortuna non rientra nella categoria tamarra, merito degli attori -tutti bravissimi, persino Chris Evans- ma anche di Joss Whedon -ci sono state scelte registiche molto ricercate, come ad esempio il dialogo tra Loki e la Vedova Nera in cui vediamo entrambi, ma Loki attraverso (piccolo spoiler) il riflesso del vetro della camera dove è imprigionato (fine piccolo spoiler) oppure durante il combattimento Capitan America riesce a stendere un nemico e vediamo la sua espressione attraverso lo specchietto retrovisore di un motorino-.
Ah, giusto, ho visto il film in 2D e credo di aver fatto bene: i colori sono vivi, anche senza gli occhialini ero dentro il film e non ho mai staccato gli occhi dallo schermo.

Voto. 3,5/5.

5 commenti:

  1. Non ho visto nessuno dei due, Diaz perché in genere diffido del cinema italiano, soprattutto quando si mescola con la politica (solitamente non hanno il coraggio di denunciare fino in fondo e io mi arrabbio un sacco per questo), The Avengers perché proprio non ho mai considerato il genere supereroi e avrei troppo da recuperare per capire tutti i riferimenti. Però sento tutti parlare così bene di entrambi, magari meritano una possibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se decidi di vedere "The avengers", tieni conto che bisogna un po' conoscere i personaggi, non serve vedere i precedenti film (tranne Ironman che è stupendo, sia come film che come personaggio) ma qualche accenno dei fumetti sì.

      Elimina
  2. The Avengers l'ho visto ieri sera, con la Dolce metà (lettore e amante dei Marvel da tempo immemore) che già era stato paziente nei giorni scorsi e mi ha evitato la super ressa da filmone atteso appena uscito. Devo dire non male (che per me è già tanto, sui film di supereroi in costume di solito sono abbastanza critica), qualche alto e basso su certe figure (tipo la Vedova Nera che faceva ridere con le sue pistolette o Capitan America a tratti carismatico come un'acciuga) ma ne complesso ben riuscito ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema di Capitan America è l'attore, mi lamentai anch'io della sua mancanza di carisma nel film a lui dedicato (Captain America - Il primo vendicatore). Chris Evans come Torcia Umana era sostanzialmente accettabile, ma come Capitan America proprio no.

      Elimina
  3. Devo ancora vedere The Avengers, ma Diaz è stato una mazzata, un colpo al cuore. Finalmente un film italiano recente in grado di emozionare e far pensare, non solo la sbiadita fotocopia di fiction da quattro soldi.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...