martedì 19 giugno 2012

La bella e la bestia



La trama. In un villaggio francese vive uno scienziato, Maurice, insieme alla figlia Belle. Maurice deve recarsi non ricordo dove per portare una sua invenzione, ma finisce col perdersi nel bosco, ma trova accoglienza presso un castello colpito da una maledizione dovuta all'egoismo del padrone, così trasformato in una bestia, almeno finché una ragazza non si innamora di lui. Belle, preoccupata per le sorti del padre, decide di cercarlo e ci riesce: si trova nelle prigioni del castello ed è molto malato, motivo per cui decide di restare al posto suo. Riuscirà a liberarsi? E la bestia riuscirà a rompere l'incentesimo?

Parere personale. Ennesima conversione in 3D di classici Disney, si è iniziato con il Re Leone, ora La bestia e la bestia, il prossimo sarà Alla ricerca di Nemo e nel 2013 dovrebbe essere prevista La Sirenetta (sììììììììì). Scarseggiano le idee in casa Disney? Forse, ma non mi dispiace rivivere grandi emozioni al cinema, nonostanti non sopporti il 3D. La Disney vorrebbe farci sognare in 3D, ma i risultati sono ancora deludenti, soprattutto se il film è convertito in post-produzione o ultra-post-produzione come in questo caso.
Ma parliamo del film e della principessa più nerd nel mondo Disney. Certo, Belle è una nerd perché preferisce leggere e pensare piuttosto che comportarsi come le altre ragazze, se La bella e la bestia fosse ambientato ai giorni nostri, sono sicura che Belle dedicherebbe il suo tempo a libri, fumetti ma soprattutto videogiochi, con relative recensioni su Youtube. Ma per nostra fortuna la storia è ambientato nell'Ottocento (o inizio Novecento, non so), e quindi assistiamo ad una dolce storia d'amore che fa sognare grandi e piccini, una canzone dietro l'altra, una disavventura dietro l'altro, e il meritato happy ending tra due solitudini che finalmente si sono incontrate per stare per sempre insieme.

Piccola curiosità: gli animatori Disney presero ispirazione da Audrey Hepburn per disegnare Belle.

Voto. 5/5.

p.s. c'è un dettaglio che non mi era chiaro nel 1991 e neppure adesso:  ma Mrs Brick come fa ad avere un figlio così piccolo?!?!? O porta male gli anni oppure nel mondo Disney non esiste la menopausa.

6 commenti:

  1. Più che altro, se l'incantesimo era attivo da anni e anni, mi sono sempre domandata come fosse nato Chicco. In teoria avrebbe dovuto essere stato messo al mondo quando ormai erano tutti soprammobili XD

    RispondiElimina
  2. A parte quando i due ballano nella sala (prima volta in cui la Disney sfrutta la grafica digitale), non vedo in quale altro momento possa essere utile il 3D.
    Al contrario, La ricerca di Nemo si presta perfettamenta al 3D.

    C'è un momento in cui Mrs Bric dice a Chicco di andare nella credenza con i suoi fratelli... i conti non tornano! Quando li ha fatti e quanti ne ha?! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, anche questa è una giusta osservazione, sono tantissimi! Ma forse alcune tazzine sono stata adottate a seguito della rottura delle vere madri teiere :)

      Elimina
  3. Ma soprattutto, dove finiscono gli altri figli-tazzina quando l'incantesimo si spezza?

    Mi piacerebbe vedere La Bella e la Bestia al cinema, è uno dei miei classici preferiti e lei una delle eroine che più amo, ma in 3D non mi convince, anche se essermi fatta scappare Il Re Leone mi è dispiaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me Mrs Brick li rinnega e vanno tutti in orfanotrofio! Poveri figli-tazzina, che destino crudele!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...