giovedì 18 ottobre 2012

Le spade di vetro vol. 2


Secondo volume del fumetto fantasy scritto da Sylviane Corgiat, disegnato e colorato da Laura Zuccheri. Qui la prima parte.

La trama. A causa delle continue tempeste, molti abitanti delle campagne si sono rifugiati a Karelane, ma qui non sono ben accetti, vengono chiamati "moscerini" e i più forti vengono sfruttati come schiavi per la costruzione della diga. Yama e Miklos sono arrivati per poter permettere a Yama di vendicarsi del generale Orland che rapì sua madre e a causa sua gli abitanti del suo villaggio uccisero il padre e lei dovette scappare. Riuscirà ad uccidere Orland?

Parere personale. Se nella prima parte la storia si concentra su Yama, questo volume prende una piega diversa: il focus della situazione non è concentrato solo su Yama e la sua sete di vendetta (vuole uccidere Orland con una delle spade di vetro) ma la situazione degradante di coloro che hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni per trovare salvezza a Karelane, ma anche miseria. Facciamo anche la conoscenza di Ilango, figlio di Orland e di Arcobaleno (madre di Yama, rapita anni prima da Orland) che spera di fuggire da Karelane per poter vivere felicemente con la madre. Come si intrecceranno tutte queste situazioni? 

Sylviane Corgiat riesce a ribaltare quel che ci si aspettava dalla prima parte de Le spade di vetro, creando una storia abbastanza piacevole e incuriosendo il lettore su quali possano essere le mosse successive dei protagonisti.
Laura Zuccheri sempre più brava, alcune tavole sono da ammirare per i tanti dettagli che è riuscita a creare, con il suo tratto e i suoi colori è riuscita a fotografare ambienti, costruzioni e personaggi

Voto alla trama. 3+/5.
Voto ai disegni. 5/5.

2 commenti:

  1. I disegni ha qualcosa di piacevolmente famigliare... anche se non so cosa mi ricordano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura Zuccheri ha lavorato per la SergioBonelliEditore, in particolare per Ken Parker e Julia.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...