lunedì 14 gennaio 2013

Ralph spaccatutto

Avviso: questa prima parte della settimana sarà dedicata all'old gaming, in particolare ai giochi della mia infanzia dell'MS-DOS perché per preparami alla visione di Ralph Spaccatutto ho fatto un piccolo tuffo dove i pixel sono più blu. 
Oggi ci sarà il mio parere personale sul film (e ci aggiungo un finalmente perché sono andata al cinema il 4 gennaio) e iniziamo dal trailer:



La trama. Ralph è il cattivo del gioco "Felix aggiustatutto" ma è stanco di essere trascurato da tutti, vorrebbe farsi notare: decide che vuole conquistare una medaglia, una di quelle che vincono i buoni a fine partita come premio. Per conquistarla entra in un altro gioco, ma non tutto va come lui aveva previsto...

Parere personale. Dopo Toy Story, la Disney ci regala un'altra saga in cui i veri protagonisti sono i vecchi giochi: siamo passati da peluchi, soldatini, bambole e pupazzi vari ai primi videogiochi. Certo, non siamo ai livelli di Toy story, ma anche qui la lacrimuccia è sempre in agguato...
Ma parliamo di questo notevole film in cui le psicologie dei personaggi sono fondamentali e vengono messi in discussione i ruoli di "buono" e "cattivo". Viene in mente la nota frase di Jessica Rabbit: "Io non sono cattiva, è che mi disegnano così", in tal caso potrebbe diventare "io non sono cattivo, è che mi programmano così": Ralph non è un attaccabriga, non cerca la rissa e non è un insensibile, non gli piace la solitudine e spera di essere considerato dai suoi "compagni di gioco", ma tutti gli voltano le spalle, incluso Felix Aggiustatutto. Ma se dovesse vincere una medaglia le cose potrebbero cambiare? Ralph decide di sostituirsi ad un soldato del gioco "Hero's duty", un gioco decisamente più moderno e violento rispetto al suo e non arcade ma fps, ma alla fin fine riesce ad ottenere la sua medaglia e... ed è qui che iniziano i guai per lui (a proposito, ma l'alieno non vi ricorda vagamente quello di Alien?): finisce in un altro gioco, nel caramelloso e gommosissimo Sugar Rush, gioco di corsa con ragazze pilota kawai, e qui incontro Vanellope Von Qualcosa che gli ruba la medaglia per poter partecipare alle selezioni delle migliori piloti di Sugar Rush. Ma il re di questo gioco è contrario alla sua partecipazione (non vi dico il perché, a voi scoprirlo guardando il film).
Ralph è un tenero cattivo, impossibile non volergli bene, e il film è decisamente orientato a noi trentenni (o quasi trentenni come nel mio caso) che abbiamo trascorso la nostra infanzia anche con i primi videogiochi quali Pac-man, Sonic, SuperMario, Street fighter e tanti altri (qui una lista dei personaggi apparsi). Ma Ralph Spaccatutto non è solo questo, ci sono tratti malinconici e temi quali il non essere accettati, la solitudine ma soprattutto bisogna capire che è bello essere se stessi ("Non vorrei essere nessun altro a parte me").
Un difetto: Felix si meraviglia per l'alta risoluzione del sergente Calhoun... peccato che sia i giochi pixelosi quali Pac-man sia i giochi più recenti sono stati disegnati tutti in alta definizione e praticamente questo dettaglio è veramente irrilevante! 

Voto. 4/5.

p.s. sul sito della Disney si può giocare a Felix Aggiustatutto (e mi sto divertendo ^_^ )

10 commenti:

  1. Film davvero carino, che mi ha riportato non solo ai cari, vecchi anni ottanta, ma anche a Toy Story e Monsters&Co.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Espiazione su di me ma non ho ancora visto MOnsters & Co... corro a nascondermi.

      Elimina
  2. Mi ha fatto tanta tenerezza, l'idea di partenza era buona, e poi la storia tipicamente disneyana ha fatto il resto. Lacrimuccia assicurata!

    RispondiElimina
  3. Sabato sera mi trovato a Civitavecchia, e visto che mi stavo rompendo i baloon, mi sono detto:"Mo vado al cinema a vedermi Django Unchained."
    Peccato che uscirà solo il 17 Gennaio...
    Ma fortuna vuole che avevano ancora in programmazione il caro Ralph!
    Quindi sono corso a rivederlo!!!
    Rimango sempre più affascinato... magnifico!
    Sai... ho notato proprio l'altra sera la tua nota: effettivamente, credo che abbiamo disegnato tutti i videogame in quel modo per facilitare la creazione del film.
    Infatti, gli hanno caratterizzati sul fatto che "i vintage" hanno rumori e movimenti tipici dei propri giochi, anche se non sempre ci fai caso.

    PS: grazie mille per la segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato anch'io i movimenti e i rumori tipici, mi piacerebbe ascoltare l'opinione di qualche ragazzino nato negli anni Novanta che ha meno familiarità con questi giochi.

      Elimina
  4. Bello ma stanno troppo troppo a sugar rush u.u anche se con la spiegazione finale si aggiusta tutto xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho capito che non giocherò MAI a Sugar Rush, troppo caramelloso!

      Elimina
    2. Un commentatore del mio blog mi ha fatto notare che "Sugar Rush" è ispirato molto agli Anime Giapponesi.
      Sarà questo che piace tanto

      Elimina
  5. Da sceneggiatore di videogame approvo ogni si gola parola che hai scritto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...