venerdì 22 marzo 2013

Fumetti che ho recentemente letto



Seconda opera di ZeroCalcare pubblicata dalla BAO Publishing e per la seconda volta il noto fumettista romana ha colpito nel segno: simpatico, ironico, leggermente drammatico e con una trama grazie alla quale molti lettori si saranno immedesimati (chi più, chi meno). Ho riso di più con La profezia dell'armadillo, ma anche qui una volta iniziata la lettura non si può fare a meno di andare avanti fino all'ultima tavola, e chiuso il volume che si ha in mano hai nettamente la sensazione di un polpo alla gola. Bravo Zero, ancora una volta promosso a pieni voti.




Capolavoro. Non ho altre parole per poter descrivere questo manga. Capolavoro. Alcune vignette ti lasciano con il fiato sospeso (come ad esempio le tavole dell'incendio), altre ti commuovono, con altre non ci può interrogare sul proprio rapporto padre-figlio. Vorrei leggere altro su Jiro Taniguchi, ma non saprei con cosa continuare: quali titoli della Taniguchi Collection della Panini Comics mi consigliate (escluso L'uomo che cammina)?




Ne Le indiscrete domande fumettistiche risposi negativamente alla domanda "Hai mai comprato un fumetto solo perché aveva una bella copertina o titolo, e cosa ti attrae nella copertina di un fumetto?", ma da ora in poi la risposta sarà affermativa perché ho comprato esclusivamente questo volume de Le storie della Sergio Bonelli Editore solo per la copertina e per il titolo, non sapevo niente della trama né ho letto recensioni al riguardo, ho comprato il fumetto a scatola chiusa. Di cosa parla? 1963. Lloyd Clark è un astronauta e, insieme a due colleghi, è in missione per avvicinarsi alla Luna (questa storia è ambientata primo dello sbarco sul satellite), ma niente andrà come previsto: i suoi due compagni spariscono senza lasciare traccia. Com'è possibile? Cosa farà Lloyd, in quel momento assediato dai suoi ricordi d'infanzia? Forse la risposta è proprio nel lato oscuro della Luna.




Giancarlo Berardi è un grande fumettista e in genere le storie che scrive per Julia, le avventura di una criminologa sono di qualità medio-alta. La grande pecca è la mancanza di continuity: Julia è destinata ad essere single, il tenente Webb è destinato ad essere attratto dalla collega ma a non avere il coraggio di dichiararsi, il sergente Irving sarà l'eterna spalla, Julia non cambierà mai auto nonostante dal primo numero se ne lamenta (ma una Morgan è una Morgan, spero rimanga sempre), eccetera. Come mai ogni mese leggo i volumi di questa testata senza parlarne e oggi ho deciso di fare un'eccezione? Semplice, perché la storia è inizialmente ambientata in Italia (precisamente a Genova, terra natia di Berardi) e in più nella vita di Julia si aggiunge il commissario Ettore Cambiaso, giunto a Garden City per aiutare la polizia a risolvere il mistero di un cadavere arrivato misteriosamente nel porto di Genova. Chi è il colpevole dell'omicidio? E il commisario Cambiaso riuscirà ad entrare nel cuore di Julia? Leggere per scoprire.



Una domanda: sapete se la Panini Comics intende ristampare Kick-ass? Ho recentemente visto il film e [da leggere tutto d'un fiato]wow è stupendo avvicente perfino Nicolas Cage è stato bravo voglio assolutamente leggere il fumetto [respirare]. Sinceramente spero che lo facciano in albetti come la Lion sta facendo per Watchmen.

9 commenti:

  1. Taniguci è un grande! Ma non so cosa altro consegnarti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato ma grazie lo stesso, ho comunque tempo fino a novembre per decidere :)

      Elimina
  2. Il lato oscuro della Luna per me il migliore albo delle Storie uscito finora!! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E brava la Bonelli Editore, un'altra serie di qualità.

      Elimina
  3. Al tempo di papà è stupendo *__*
    Di Taniguchi dipende su che filone preferisci orientarti (quello legato alla natura e alle lande ostili, quello sulla famiglia, quello più storico, ecc) ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizierei dalla natura e dalla famiglia.

      Elimina
    2. Per il tema famiglia direi "In una lontana città", mentre per quello natura "L'uomo della tundra" o "Seton" (che però è composto da diversi volumi ^^

      Elimina
  4. "Il lato oscuro della luna" mi è piaciuto molto! Bilotta è davvero un bravo autore, di lui ho amato molto la mini di "Valter Buio".
    "Ai tempi di papà" invece... beh, Taniguchi, elogiarlo è come aprore l'acqua calda XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...