venerdì 28 giugno 2013

Password, in futuro basterà pensarle



"Il futuro del mondo è diverso dal mio", cantava Jovanotti. Ma forse stiamo già vivendo il futuro del mondo, soprattutto in ambito tecnologico che sembra non avere limiti. Se prima leggere nel pensiero era possibile solo nei film fantascientici e in E' un po' magia per Terry e Maggie, adesso sta per diventare realtà. E grazie a questa tecnologia potrà migliorare l'accessibilità su Internet, infatti ci saranno dispositivi simili a delle cuffie grazie alle quali basterà pensare la password e questa sarà inviata al sistema; in questo modo non servirà utilizzare la tastiera e quindi anche persone con disabilità fisiche potranno utilizzare la rete in maniera molto più semplice, senza tecnologie assistive di non sempre facile utilizzo. Il futuro del mondo non è diverso dal mio.

Per maggiori info: tech.fanpage

7 commenti:

  1. Essendo proprio negata per tutto ciò che è tecnologico,caro Sailor Fede,trovo senza dubbio molto utile questa innovazione proposta nel tuo post..
    Mi chiedo spesso fino a che punto arriveremo, ma daltronde è inevitabile si vada avanti per questa strada che , purtroppo, dovendola percorrere, a me riesce alquanto impervia!
    Buon fine settimana....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualsiasi nuova tecnologia è destinata ad essere inizialmente difficile e poi normale. E' successo ai cellulari, è successo alle penne usb, è successo ai touch screen (tranne per me), succederà anche ai dispositivi che leggono nel pensiero.

      Elimina
  2. Mmmmmmmmmm..... queste cose non mi piacciono per niente.
    Un giorno riusciremo a leggere i nostri pensieri, e li finirà la nostra reale privacy...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggeranno qualsiasi pensiero in qualsiasi momento, soprattutto quando saremo sul cesso, e lì saranno guai... per chi legge i pensieri :)

      Elimina
  3. Per noi, per fortuna, sarà ancora fantascienza :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne sarei così sicura: anche i Google Glass sembravano fantascienza e invece sono stati realizzati in pochissimo tempo. Siamo anche nell'era delle stampanti 3D. Questa tecnologia è già usata con i non normodotati, forse sarà realtà anche per noi.

      Elimina
  4. Non abbiamo ancora visto niente. Un'altro esempio? La macchina senza guidatore...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...