lunedì 7 ottobre 2013

Febbre da film #2


Rush: Mamma che film, mamma mia che ottimo film! Non sono una fan di Formula 1, anche se in passato mi è capitato di vedere alcuni mondiali a causa di mio fratello e in quel momento la noia regnava sovrana nella mia testa. Ero intenzionata a saltare Rush perché la F1 non mi attira e non conoscevo niente di Niki Lauda (se non per nome) e James Hunt (di cui ignoravo l'esistenza). Per fortuna alla fin fine ho cambiato idea e ho fatto bene, non credo di aver mai vissuto così delle gara di Formula 1. Ok, non facevano vedere tutta la gara ma solo i tratti più salienti, ma la regia di Ron Howard è stata eccezionale, mi sembrava di essere lì con i piloti. Ma Rush non è solo gare, non è solo sport, è la storia di una grande rivalità. Da vedere.



Bling ring: come ho già scritto nei commenti di altri blog, ho apprezzato anche questo film e non l'ho trovato per niente noioso: sarà che non mi dispiace lo stile di Sofia Coppola (personalmente ho apprezzato anche Somewhere), sarà che ho visto il film come una sorta di documentario su questo gruppo di ragazzi, sarà che alla fine ho ringraziato i miei genitori per avermi educato in maniera decente e con sani principi morali, sarà che gli attori e la colonna sonora sono stati ben scelti (soprattutto le due musiche presenti nel trailer), sarà che dopo la visione è nata una bella riflessione sulla società e sui social network. Nonostante stia leggendo moltissimi pareri negativi, io sento di consigliarvelo.



L'erba di Grace: altro film che ho apprezzato è L'erba di Grace, l'ideale per una serata rilassante, simpatica e senza troppe pretese. Perché questo film non ha pretese. Va semplicemente visto con la mente vuota e alla fine continui ad avere la mente vuota: non è un film di denuncia sulle sostanza stupefacenti, non è un film di denuncia su cosa si è disposti a fare in caso di povertà, non è un film di denuncia su niente. Però ben vengano pellicole simili.



Diana - La vita segreta di Lady D.: ora mi sfogo un po'. Già quella parola nel titolo, segreta, dovrebbe far riflettere sull'inutilità di questo film. Già il parlare di un caso di cui non si sa effettivamente la verità dovrebbe far riflettere sull'inutilità di questo film. Ma se mi fate un Mangia, prega, ama versione Lady D., non posso non arrabbiarmi. Parliamo degli aspetti positivi, tanto è solo uno e me lo tolgo subito: Naomi Watts è stata molto brava nell'interpretare i problemi di una principessa fragile. E con questo ho finito i pregi del film. Il resto è solo noia. Ci sono vari aspetti della vita di Diana di cui si potrebbe parlare (l'infanzia, la relazione con Carlo, i figli, il rapporto con l'Inghilterra, ...), ma qui di cosa si parla: di come Diana soffre la solitudine dopo aver lasciato Carlo, di come incontra un cardiochirurgo pakistano e se ne innamora, di come i due si conoscono, di come i due si frequentano, di cosa i due parlano, di come i due fanno all'ammmmmoooore, di come i due passeggiano, di come i due viaggiano, di come i due rifanno all'ammoooore, di come i due non si comprendono, di come i due si lasciano, di come i due si rimettano insieme, di come i due si rilascino, eccetera eccetera. Ma chissenefrega. La noia fatta film. Io avrei chiamato il film Diana - La vita sbadigliosa di Lady D. E se un giorno dovessero fare un film su Kate Middleton (perché prima o poi lo faranno), sappiate -rivolto soprattutto al mio fidanzato che mi ha proposto il film perché incuriosito- che non lo vedrò mai e poi mai, ci manca solo un film sul Royal Baby!!



Gravity: sapete cosa penso del 3D, avete letto tutte le mie varie lamentele su questa tecnologia. Dimenticatele perché questo film ha uno splendido 3D, finalmente un supplemento ben speso: gli oggetti erano davvero tridimensionali, sembrava di averli davanti agli occhi, ad un certo punto (durante la pioggia di detriti), l'effetto era talmente realistico che l'istinto mi ha fatto spostare la testa per scansare l'oggetto. E quindi un applauso a Gravity per avermi fatto apprezzare un film in 3D. Ma questo non è l'unico motivo per vederlo: Gravity è un signor film di fantascienza. La storia si svolge interamente nello spazio con due unici attori: George Clooney ma soprattutto una perfetta Sandra Bullock che finalmente dimostra di essere un'ottima attrice se solo le si dà un'opportunità. In più sono stata in tensione per tutta la durata del film, avrò respirato sì e no due o tre volte. Da vedere al cinema, non lo scaricate, non lo noleggiate, se ne avete l'occasione andate al cinema.




La vita è bella: difficilmente uso la parola "è il capolavoro di", "il miglior film di", ma questo è il capolavoro di Roberto Benigni. Ieri per l'n-sima volta ho visto La vita è bella, e per l'n-sima volta mi è scesa la lacrimuccia. E come non ci si può commuovere vedendo l'olocausto e un padre che vuole evitare il trauma al proprio figlio? E la simpatia di Benigni funziona in un tema così delicato quale Auschwitz e il nazismo.

13 commenti:

  1. Gravity e Bling Ring in effetti mi attiravano molto! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gravity è ancora nelle sale cinematografiche, se puoi cerca di vedere almeno quello :)

      Elimina
  2. Wow... ne hai visti di film recentemente!
    Mi trovi d'accordissimo su Gravity, parola per parola, mentre ti ringrazio per risparmiami dalla visione di Diana, ora la x è definitiva!
    Rush invece, a me non ha convinto troppo, classico filmone hollywoodiano con frasi ad effetto che mi ha irritato non poco. Peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra maltempo, poca voglia di uscire e maggiore tempo libero ho recuperato un po' di film, ma in genere sono molto più lenta.
      Credo di aver saltato la tua recensione su Rush, sei la prima che non ne parla male e sono curiosa di leggere il perché, mi fiondo sul tuo blog.

      Elimina
    2. Mi sto prendendo del tempo, la recensione è prevista per venerdì :)!

      Elimina
  3. Sono tutti titoloni!
    I più nuovi non ho potuto ancora vederli, devo rimediare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbero stati tutti bei titoli, se non avessi visto "Diana". Brrrrr tremo ancora al pensiero.

      Elimina
  4. T'aaavevo detto che Rush era fico. Gravity non vedo l'ora di vederlo, in 3d! Ne sento parlare benissimo e sto solo aspettando che la mia compagna di cinema si liberi... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ricordo la tua recensione, entrambi concordammo che finalmente la F1 non ha fatto addormentare molti spettatori :)
      Gravity Gravity Gravity Gravity!!

      Elimina
  5. Mia moglie mi ha costretto a vedere la storia sbadiglios insomma QUELLA ROBA LI'
    Come telenovela potrebbe anche andare, ma non chiamatelo film!!!!!
    Stasera andiamo a vedere GRAVITY: tu ne parli così bene....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le telenovelle perlomeno fanno ridere per le situazioni al limite del ridicolo, Diana neppure quello.

      Elimina
  6. Lady D non mi ispira per nulla (ma già il personaggi di per sé non è uno dei miei preferiti), Rush non l'ho visto perché hanno fatto troppa pubblicità (veramente, sono arrivata a non tollerarlo) e Gravity mi ispira un sacco :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gravity" merita, se puoi e con calma dai una possibilità anche a "Rush".

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...