giovedì 23 gennaio 2014

Winx Club 1x11: Il regno delle magiche ballerine volanti



Tutti voi avete visto Frozen – Il regno di ghiaccio, giusto? Tutti voi avete presente il castello di ghiaccio creato da Elsa, vero? Beh, scordatelo, qui abbiamo Alfea in una computer grafica plasticosa, con alberi plasticosi, nuvole plasticose, montagne plasticose e la solita musichetta plasticosa. Sì, pure quella è plasticosa.


Iniziamo alla grande con un litigio tra Flora e Stella che stanno per arrivare ai pugni, cari maschietti, oggi avrete il vostro fan service; non c'è il fango, ma suppongo vi possiate accontentare; preparate tutto quel che volete perché lo spettacolo ha finalmente inizio! Ma purtroppo per voi arriva Bloom a placare gli animi, quindi niente combattimento, sorry.
Perché le due fat(t)ine litigavano? L’esame di Flora è imminente e la fata della natura si sta preparando, fin troppo: la camera che condividono Bloom e Flora sembra il laboratorio di Walter White per creare metamfetamina, ma forse lo scopo è proprio quello perché con le droghe puoi contrastare perfettamente streghe, maghi oscuri, elfi neri, Sauron, Griselda e qualsiasi altro nemico. Ma la nostra fata amica di Pollon non si è fermata qui, ha deciso di usare anche la stanza di Stella perché sul suo davanzale arriva più sole per le sue piante, ha perfino sistemato le “mimose vanitose” vicino allo specchio “Vicino agli specchi, capisci?” ribadisce Stella. “Quelle piante si nutrono di luce riflessa”, spiega Flora, “E’ normale che succeda”, “E ti sembra normale anche quello che stanno facendo adesso?” Una caratteristica di queste mimose vanitose è provare gli abiti e i trucchi di Stella. Praticamente delle make up artist di Youtube versione floreale. Ed è anche il motivo per cui le chiamano vanitose. Che simpatici i botanici magici, le matte risate che si faranno per ogni loro stupida creazione, mi chiedo se abbiano creato anche un utilissima pianta che venda i set di pentole a forma di Giorgio Mastrota ma soprattutto la speciale pianta che faccia i trenini di Capodanno, sarà un successone con gli amici!
Oh no, bisogna sopportare le lamentele di Stella, un avviso ai naviganti: oggi la nostra pazienza sarà messa alla dura prova, vedere tutto questo episodio significa vincere una prova di coraggio: “Si provano le mie scarpe, i miei trucchi, i miei vestiti, il mio shampoo, i miei smalti, le mie crema per il viso, quella antiocchiaie, quella idratante, quella per il corpo, quella per i piedi, la maschera per i capelli, la maschera per il viso, lo scrub, l'olio antismagliature, l'olio anticellulite, l'olio di mandarle dopodoccia, l'olio di cocco per la doccia, il mio bagnoschiuma rigenerante, il mio detergente intimo alla fragola, vabbè li devo elencare tutti? E’ un vero incubo! E guarda come si conciano, hanno un gusto davvero orribile negli accostamenti. Ma come ti vesti?”. E’ arrivata Carla Gozzi in persona.
“Tecna non fa tutte queste storie”, dice Flora. Ci aggiungo che, anche se Tecna si lamentasse, nessuno starebbe a sentirla. Ci spostiamo verso la camera che condividono Tecna e Musa.


Qui troviamo solo Musa a studiare, sdraiata sul letto con le scarpe. Bambine, prendete esempio: sul letto con le scarpe sporche, e non vi preoccupate se vostra madre vi sgrida, è lei nel torto: se lo fanno le Winx, potete farlo anche voi a casa, ricordatelo. 
Flora chiede dov’è Tecna, ma pare essere sparita ma chissenefrega è Tecna, mica ci preoccupiamo e quindi continuo a studiare. O a leggere il libro. O a far finta di leggere un libro. Flora apre l’armadio di Tecna dove aveva riposto alcuni semi e troviamo la fata tecnologica legata dalla pianta precocemente cresciuta. Suppongo che Tecna, imprigionata e imbavagliata dalla pianta, abbia provato a fare rumore, a urlare nei limiti del possibile. E la fata della musica, che si vanta di avere l’udito fine e sopraffine, non ha sentito nulla? Ma lasciamo perdere. Flora libera Tecna che ne approfitta per farsi sentire, è finalmente arrivato il suo momento e non intende lasciarselo scappare!
“Stavo cercando dei pantaloni in un armadio che contiene solo un pantalone e una borsa o quel che pare una borsa, per il resto vuoto, a che serve tutto questo armadio per me non lo so, Stella vuoi riempirlo un po' tu?”


“Dicevo, mentre cercavo sono stata catturata da questa specie di rampicante. Ma dico io, questo è Winx Club non Jumanji, Flora hai sbagliato copione  'naggia a te!!! E a chi poteva capitare questo? A Bloom? No, è la protagonista! A Stella, figurati, poi chi la sente per i capelli! No, a me!! A Me". Ok, Tecna, ti sei sfogata abbastanza. 
Per farsi perdonare, Flora decide di trasferirsi nella palude poco paludosa di Melmamora per continuare tranquillamente i suoi studi perché “le mura di Alfea non sono adatte per i miei esperimenti”. Ma Bloom si impunta che bisogna seguirla, che bisogna aiutarla, che magari quel che inventa sembra talco ma non è serve a dare l’allegria, che bisogna farsi i fatti degli altri come fanno in ogni puntata e quindi andiamo con lei. Ma non prima di notare che lei ha promesso a Flora di aiutarla, lo dice "Ho promesso a Flora che l'avrei aiutata e a casa mia le promesse si mantengono sempre", giustissimo ma se hai promesso solo tu di aiutarla perché anche le altre devono seguirti? Come sempre, don't ask, roba da sceMeggiatori.


Flora si ritrova le altre nella palude di Melmamora che, ricordiamo, più che palude è una pianura con delle pozzanghere simil-paludose. Perché siamo proprio a Melmamora? Semplice, bisogna trovare un fiore magico che si trova proprio lì perché l’ecosistema è molto vario e la cui essenza è un rimedio agli incantesimi di malinconia lanciati dalle streghe “E’ un ingrediente fondamentale”. E Flora ride. Perché ride non si sa, non ha detto una battuta o c’è qualcosa che dovrebbe far ridere in “ingrediente fondamentale”? Oppure è un ingrediente fondamentale per altro? In realtà ride perché sa che c’è la fregatura: “Non si può raccogliere, il fiore non lo permetterebbe mai perché è molto permaloso”. E quindi come si fa? Ci si inchina maestosamente sperando di avere la grazia? Si fa qualche moina per rendersi simpatici e leccapiedi? Lo si porta al ristorante di lusso e si paga il conto? “Dovremmo solo chiedergli di stendere uno dei suoi petali e poi usare una goccia di questo, l’ho inventato io”. In questa puntata Ilaria Latini, doppiatrice molto brava, riesce a rendersi davvero antipatica, ma che voce è quella? E Flora, che in genere trovo molto simpatica, in questo momento è davvero irritante, col cavolo che l’avrei seguita nella palude! Per la promessa di un'altra poi!! Buonanotte fiorellino, io resto ad Alfea al calduccio, piuttosto sopporto una lezione di Griselda! Comunque l’invenzione di Flora permette di creare un’infinità di petali ARTIFICIALI!!! La fata della natura che crea roba tarocca!! Vergogna!!! Bloom invece è contenta perché ha già capito che con quell’invenzione evoglia a fumare senza farsi sgamare (sappiate che oggi abuserò di questa battuta come non mai)!!


E così le cinque ragazze vanno alla ricerca di questo fiorellino. E, nel caso qualcuno se lo stesse chiedendo (ma dubito): oggi niente Torrenuvola, niente Fonterossa, niente Tr(uzz)ix, niente specialisti, niente preside pallonara, niente di niente, solo fat(t)ine, contenti?  Oggi sopportiamo solo loro.
Le cinque camminano camminano camminano, e chi si può lamentare? Stella che sporca le scarpe e il vestito e cade in una pozzanghera. Avete presente la bionda della recensione di Sharkman di Yotobi? Se la risposta è no, ecco il video, guardatelo:


Ecco, in questo episodio Stella è esattamente come la bionda di Sharkman e sinceramente le auguro lo stesso destino!


Ed ecco finalmente la magiche ballerine volanti. Solo che non sono ballerine, ma sono ninfee, quindi le magiche ninfeetine volanti. Solo che in questo episodio non usano la magia, quindi non sono magiche ma normali. Le normali ninfeetine volanti. Praticamente delle falene. O delle mosche. O comunque qualcosa di fastidioso.
Queste notano la presenza delle Winx e cercano di fuggire, ma Flora riesce a parlarci e a calmarle “Tranquille, siamo amiche, non vogliamo farvi del male”. Wendyyy, amoreee, sono a casa. Più o meno così. Ma le fate, incuranti dei consigli delle madri sul non parlare con gli sconosciuti, le portano nel loro regno e dalla loro regina che, ci spiega, sull’isola al centro del laghetto c’è un pericolosissimo mostro che ogni giorno minaccia il suo popolo, non possono andare via perché su quell’isola c'è lo Xylit, una pianta che permette la loro sopravvivenza. E non ho capito male, ho ascoltato il dialogo più volte per esserne certa, si chiama proprio come le gomme da masticare della Vivident!


Pubblicità poco subliminale, bravi! La regina continua il suo raccondo, facendoci sapere che la ricerca delle gomme da mastic… pardon della pianta è sempre più difficile proprio a causa di questo mostro e l’ultima volontaria per la raccolta, Lusiz, non ha mai fatto ritorno dall’isola. Le Winx decidono di aiutarle e si trasformano. Nel frattempo le ninfee hanno visto la saga completa, versione estesa, senza pause, de Il signore degli anelli.


Le Winx sorvolano l’acqua (Tecna ha decisamente delle brutte ali) e all’improvviso appare il mostro pericoloso che mangia Musa e torna sott’acqua. Ma come raggiungerla? Flora ha l’idea vincente: “Creiamo delle bolle d’aria”. E Bloom incredibilmente è d’accordo, ma allora il no a prescindere è solo con Tecna! Le fate individuano il mostro che si nasconde in una grotta sotto l’isola dove ben pensa di appisolarsi. E si appisola a bocca aperta in modo che Musa sia facilmente vista. Ah giusto, Musa non è stata ingoiata tipo Geppetto, è rimasta svenuta sulla lingua del mostro. Perché il mostro non l’ha ingoiata e l’ha tenuta lì tipo gomma da masticare? Perché Musa è svenuta? Ma se Musa è svenuta e non ha potuto fare niente, perché il mostro non l’ha ingoiata? Lo so, l’ho già chiesto, ma perché non l’ha ingoiata e dorme con lei in bocca? Ah no no, sta per chiudere le fauci e Bloom riesce ad entrarci, una magia e sono tutte e due fuori. Musa è stata salvata, ma il mostro si è svegliato. Meglio fuggire e si recano sull’isola. 


Flora, tra uno sbadiglio e l’altro (pure lei si sta annoiando di questa puntata), nota che c’è uno splendido profumo. “Lo sento”, dice Tecna, e toccandosi il seno fa apparire una consolle magica per analizzarla. “Questa puntata sostanza è un gas soporifero! Non respirate!! ” Boom, morte soffocate all'istante. Fine. 
Invece no, Tecna si crea una maschera antigas, appunto per non respirare la sostanza, ma tutte le altre si sono ormai addormentate tranne Bloom che cerca di non arrendersi, deve farcela, è la protagonista, ma si addormenta pure lei, ma non prima di aver notato un albero cattivo cattivo cattivo vicino al quale ci sono uccellini addormentati e Lusiz, la fata ninfa prima citata. E’ rimasta solo Tecna che può nuovamente fare la sborona, è il suo momento. La fata crea una bolla magica piena d’ossigeno per far svegliare Bloom e poi insieme allargano la bolla su tutta l’isola in modo da svegliare tutti quanti, amiche e animali. Si sveglia anche Lusiz che con trooooooppe parole e taaaaaanti chissenefrega mentali, ci spiega che il mostro è in realtà una tartaruga e l’isola il suo guscio. Vedi Lusiz, io ho impiegato meno di un rigo per spiegarlo, un po’ di sintesi per favore! 


Anche l’albero cattivo si sta rompendo a furia di sentire tutte queste chiacchiere e cerca di distruggere la bolla creata da Tecna. E ci riesce. E chi può urlare e arrabbiarsi se non Bloom? Colpisce l’albero alla radici con la sua fiamma, anzi il suo incendio (andare dal minuto 17.20 per credere) e il salice inizia a diventare di pietra. Eh? Come di pietra? Non dovrebbe bruciare? Perché diventa di pietra a partire dalle radici e pian piano verso i rami con l'uso del fuoco? Autori, mi spiegate almeno questo??? Ovviamente no, arriva Flora che, con un incantesimo, distrugge l’albero. Oooooook.
Torna la pace nel regno delle ninfee, la tartaruga adesso è libera di andarsene per i fatti suoi, le Winx riportano Lusiz a casa. Però… c’è un però… adesso che non c’è più l’isola-tartaruga, le ninfee come possono prendere le gomme da masticare Vivident che si trovavano sull’isola? Ci pensa Flora che crea centinaia di foglie Xylit con la sua invenzione per creare piante farlocche e artificiali, come premio riceve il fiore magico che si trova solo a Melmarora che è l’ingrediente fondamentale per gli incantesimi delle streghe blablabla. E così vissero tutti felici e contenti.


Nel prossimo episodio: noooo il concorso di bellezza noooo!!!

8 commenti:

  1. Ahaha, finalmente un altro articolo!
    Guarda, già dall'inizio stavi per farmi scoppiare a piangere, già i disegni sono orribili di loro, se poi mi fai anche il paragone con 'Frozen'... lasciamo perdere, allora, qualche osservazione:
    1) Quanto la odio quella musichetta (hai fatto bene a dirlo, plasticosa), che c'è quando fanno quelle riprese del cavolo della scuola del cavolo! E' una musica che usano tipo tre-quattro volte a puntata! Non ce la faccio più! Almeno, essendo questa puntata ambientata fuori dalla scuola, ce la siamo risparmiata...
    2) Ma a cosa serviva 'sta puntata? Ai produttori non andava bene una serie con 25 episodi?
    3) Il conigliastro forse alla fine è morto davvero, perché in questa puntata non si è visto... ah, no, la narratrice prima dell'episodio dice che Chico si è svegliato per la sua 'proverbiale' pigrizia. Non l'avevamo mai visto dormire prima, e non vado in giro a dire: "pigro come un Chico".
    4) Stella. Deve. Morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Magra consolazione, probabilmente si rifaranno nelle prossime puntate facendocela sentire minimo dieci volte.
      2) Aspetta di vedere la prossima, se qui le Winx perlomeno si impegnano un po' nel fare del bene e si danno da fare, nella prossima puntata non succede assolutamente niente, il nulla cosmico!
      3) Il conigliastro maledetto si vede giusto in un paio di scene e, come sempre, è odioso.
      4) Speriamo, più si va avanti e meno la sopporto!

      Elimina
  2. Pensa che l'ultima serie sarà interamente ambientata sott'acqua.... avoja a sharkman li! HAahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai dai, che in un sol boccone ce le togliamo tutte e sei o sette. Quante sono adesso?

      Elimina
  3. Ma queste hanno il permesso della scuola di andarsene liberamente a spasso per le paludi? Ad Hogwarts controllavano che gli studenti praticamente non uscissero in cortile (ovviamente protagonisti esclusi, quelli sono sempre andati dove cappero pareva a loro, ma almeno dovevano nascondersi sotto il mantello dell'invisibilità e farlo di soppiatto!) e qui le lasciano andare a passeggio per i fatti loro °__°

    Stella me la vedo bene come la tipa di Sharkman XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, loro sono le Winx e possono. Le altre no, loro sì.

      Elimina
    2. Con 'le altre' tu intendi quella massa di alunne senza tratti distintivi particolari, a cui non verranno mai dati nome e battute perché non sono le protagoniste, giusto?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...