lunedì 10 marzo 2014

Febbre da film #6

Caspita, sono trascorsi quasi due mesi dall'ultimo Febbre da film, espiazione su di me! A mia discolpa posso dire che in questi due mesi ho visto pochissimi film, tutti molto belli per fortuna, ma davvero pochi. Con estremo ritardo ecco dunque il mio personalissimo e brevissimo giudizio su film di cui si dovrebbero scrivere trattati, ma io mi ridurrò a poche righe. Perché sì. Iniziamo da..



The wolf of Wall Street (2013): l'ho scritto nei commenti di tantissimi blog e lo confermo qui: Leonardo DiCaprio avrebbe dovuto vincere l'Oscar, per quanto Matthew McNonLoRicorderòMai sia stato bravissimo, DiCaprio ha recitato in maniera perfetta e non solo: si è documentato sulla vita di Jordan Belfort, ha parlato con Jordan Belfort, la sua immedesimazione è stata totale, ma ahimè niente riconoscimento dall'Accademy mannaggia a voi. Come riassumere questo film? Basterebbero due parole, anzi tre: sesso, droga e soldi. Ma non è solo questo, altrimenti tanto varrebbe guardare un porno, Jordan Belfort è ambizione, potere, trasgressione, voler e poter fare qualsiasi cosa. Potrebbe essere uno stile di vita che vorremmo avere, potrebbe essere uno stile di vita che tanto ci indigna, poco importa, non può bastare così poco per dare i giusti meriti e l'Oscar sarebbe stato il giusto merito.
Voto: 10/10.



Dallas buyers club (2013): ed ecco dunque il vincitore dell'Oscar come miglior attore protagonista, un Oscar che se non fosse per DiCaprio avrei apprezzato maggiormente, ma effettivamente Matthew McSeNonFaccioCopiaIncollaNonRiescoAScriverloGiusto è stato bravissimo, anche lui si è immedesimato perfettamente nel ruolo di un malato di AIDS a cui vengono dati solo trenta giorni di vita. Dallas buyers club è un film che dovete vedere (anche se dubito non l'abbiate fatto, nel caso recuperatelo perché merita davvero). Applausi anche per Jared Leto, bravissimo. E anche per Jennifer Garner che spero mi scriva nei commenti come fa ad essere sempre uguale e sempre perfetta nonostante due gravidanze.
Voto: 10/10.




Nebraska (2013): Film molto piacevole e simpatico, non ho ben capito perché usare la tecnica del bianco e nero ma non importa, dopo due film molti impegnati ci voleva qualcosa di più leggero ma non banale e Nebraska si è rivelato il film giusto.
Voto: 8/10.




Monuments men (2013): vi dirò, a me è piaciuto. Certo, come al solito americani salvatori della patria, dell'arte e del mondo, senza di loro chissà cosa sarebbe successo, ma George Clooney ha raccontato una vicenda che sinceramente, non avendo mai studiato storia dell'arte, ho sempre ignorato. Non mi è dispiaciuto neppure che, nonostante il tema sia importante, ci siano state abbastanza battute, anche se non ho capito perché hanno descritto proprio il francese come un perfetto imbecille. 
Voto: 7-/10.


The lego movie (2014): non potevo non vederlo, fin dal trailer ero curiosa di sapere cosa avrebbero combinato e non sono ne sono uscita delusa, era esattamente quel che mi aspettavo: un film simpatico, avventura, magia, una profezia vera perché c'è la rima, lego dappertutto, la classica morale finale. Non è Ralph Spaccatutto, comunque good job e aspetto il seguito.
Voto: 6,5/10.



Saving Mr. Banks (2013): per il cinquantesimo anniversario di Mary Poppins [notizia che potrebbe non essere vera, ma dato che Mary Poppins è del 1964 ho pensato che non fosse casuale che Saving Mr. Banks fosse uscito proprio nel 2014], la Disney ha ben pensato di rendere omaggio alla propria pellicola con uno splendido film sull'incontro e le discussioni tra Walt Disney e P.L. Travers, la scrittrice di Mary Poppins, sulla realizzazione del film. Ho riso molto spesso, la Travers è davvero acida e proprio per questa l'ho trovata simpatica, sebbene nella vita reale non so quanto l'avrei sopportata, Walt Disney invece è riuscito, come sappiamo, ad ottenere tutto ma proprio tutto e a vincere sulla scrittrice, nonostante quest'ultima avesse vietato determinati elementi, ma Walt Disney avrà pensato "sticazzi il film è mio, ti convincerò a fare come voglio io". E lo ammetto, ad un certo punto del film mi stava scendendo la lacrimuccia.
Voto: 8,5/10.




Mary Poppins (1964): la tata che qualunque bambino vorrebbe con sé. Io ho sempre adorato Mary Poppins, le canzoni, tutto, mi ha sempre incantato. E non ho cambiato idea: come molti, dopo Saving Mr. Banks ho deciso di rivedere per l'n-sima+1 volta Mary Poppins e il tempo è volato, per esempio a Supercalifragilistichespiralidoso (che ci tengo a sottolineare, l'ho scritto senza fare copia-incolla né sbirciare da qualche parte) ho pensato "Di già?", e invece erano passati ben tre quarti d'ora. Non ricordavo invece una Mary Poppins così piena di sé, è Walt Disney versione femminile: qualsiasi cosa decide, dev'essere così (praticamente si auto-assume, praticamente è lei che decide che i bambini trascorreranno una giornata con il padre, praticamente vince lei una gara di cavalli nonostante fosse da squalifica perché è entrata alla fine, in fin dei conti decide lei quando licenziarsi, eccetera). Un classico della mia infanzia ma anche un classico di sempre.
Voto: 10/10 (Mary Poppins, praticamente perfetta, come potete notare dal video sarebbe perfetta anche come horror)

17 commenti:

  1. Devo recuperare la maggior parte dei film usciti agli Oscar..
    ultimamente non ho il tempo per nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parliamo di recuperi, ho una lista piena :(

      Elimina
    2. Anche io devo recuperare un paio di titoli usciti agli Oscar che mi ispirano un sacco ma che non ho avuto modo di vedere.
      Ho visto, però, The LEGO Movie, Saving Mr Banks e Mary Poppins, e concordo in pieno. Il povero Mr Banks non decide più nulla della sua vita, da quando compare la nuova tata dei suoi figli XD

      Elimina
    3. Come hai fatto notare nella tua recensione, è perfetta anche come Mary Sue :D

      Elimina
  2. riguardo a MONUMENTS MEN (che mi è piaciuto, ma senza esagerare) mi ha causato un terribile dubbio: ma quando mai Michelangelo ha scolpito una Madonnaconbambino?
    si saranno confusi con la Pietà.... (che comunque era custodita in Vaticano)
    io non sono un esperto di Michelangelo, ma mi sembra una bufala di prima classe!!!
    vuol dire che quando incontro dei turisti americani in giro per Bologna provo a rifilargli la patacca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? O_O Ecco uscire la mia ignoranza, potresti rifilare la patacca anche a me.

      Elimina
    2. E bravo Marco, fagli pagare queste incongruenze!

      Elimina
  3. il 10 a the wolf of wall street ci sta tutto.
    ma 10 a mary poppins giusto come film dell'orrore ahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dice la stessa Mary nel film: "Mary Poppins, praticamente perfetta sotto ogni aspetto". Come non si può non mettere 10 a una così?

      Elimina
  4. Il terzultimo e il penultimo sono i miei film :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E l'ultimo? Sei il primo che non ha visto Mary Poppins prima o dopo "Saving Mr. Banks" :)

      Elimina
  5. Oddio, ma allora conosci anche tu 'Scary Mary'! L'ho visto secoli fa e mi ha fatto morire dalle risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel finto trailer è stupendo, lo vidi anch'io anni fa e continua a piacermi :)

      Elimina
  6. The Wolf of wall street capolavoro. Nebraska e Banks mi mancano ma Mary Poppins è un classico..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, scusami Beatrix, non avevo notato questo commento :(

      Elimina
  7. Ma sul serio hai dato lo stesso voto ai primi due film? Anche se 10 è il massimo, non potevi dare un +1 a Di Caprio, così, sulla collaborazione?

    RispondiElimina
  8. Ahahahah non ci avevo pensato :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...